Cronaca Ragusa 24/08/2015 13:14 Notizia letta: 5243 volte

Droga, arrestato Stefano Basile

Ha 23 anni
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/25-08-2015/1440508244-0-droga-arrestato-stefano-basile.jpg&size=500x500c0

Ragusa - I carabinieri dell’aliquota radiomobile della compagnia di Ragusa hanno arrestato un ragusano per detenzione e coltivazione di stupefacenti a fini di spaccio.
Sabato pomeriggio, una pattuglia di carabinieri era intenta a vigilare le vie del centro e ha notato due giovani confabulare in piazza cappuccini. Tempo di fare inversione di marcia e i due erano spariti. I militari, allora, sono saliti verso via Migliorisi e hanno ritrovato i due lungo il marciapiede di via Leonardo Da Vinci che s’allontanavano con passo lesto.

Bloccati e identificati, mentre uno è risultato incensurato, l’altro risultava gravato da diversi precedenti di polizia. I due, un italiano e un tunisino, sono stati sottoposti a perquisizione e addosso avevano il primo nove grammi di hashish su due pezzi, il secondo due grammi su due pezzi.

La perquisizione è stata quindi condotta presso l’abitazione dei due dove è stato trovato altro hashish (mezzo grammo) e una piantina di canapa indiana, nonché più di duecento semi della stessa pianta. L’italiano, poi arrestato, Stefano Basile, 23enne ragusano già noto alle forze dell’ordine (peraltro per analoghe attività) ha tentato, davanti ai militari, di sradicare la pianta, forse convinto di poterla gettare o occultare. Ma è stato prontamente bloccato.

La droga e la pianta di marijuana sono stati sequestrati e il Basile dichiarato in stato d’arresto.

Il tunisino è stato segnalato al Prefetto quale assuntore di stupefacenti per le conseguenti sanzioni.

Basile, sottoposto a foto-segnalamento, è stato quindi, d’intesa con il pubblico ministero, Valentina Botti, sottoposto agli arresti domiciliari.

Purtroppo non è il primo (e certo non sarà l’ultimo) caso di spaccio in centro città ma l’attenzione dei militari dell’Arma rimane altissima e i controlli, grazie anche al fatto che i pusher sono i soliti noti, continuano incessanti quotidianamente.

Redazione