Sport Ragusa 24/08/2015 18:34 Notizia letta: 1869 volte

Claudia Finielli prima fra le donne nel running dell'Irminio

Vincenzo Lorefice assoluto
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/24-08-2015/claudia-finielli-prima-fra-le-donne-nel-running-dell-irminio-500.jpg

Ragusa - Domenica 23 agosto presso la Riserva Naturale Speciale Biologica – Macchia Foresta del Fiume Irminio si è disputato la 7^ edizione del Trofeo Sport & Natura, gara podistica valevole per il Grand Prix Ibleo. L’evento, organizzato dalla Barocco Running Ragusa, ha riscosso un lusinghiero successo di partecipazione (oltre 100 atleti ai nastri di partenza) e di pubblico. Fra gli atleti presenza importante di Giovanni Finielli laureatosi qualche giorno fa campione del mondo per la categoria Master M65 nelle specialità 800 metri e 1500 metri su pista..
Particolarmente significativo, inoltre, il momento dedicato a Giorgio Pomario, atleta della Barocco Running prematuramente scomparso, ricordato con un forte applauso che i partecipanti hanno voluto rendere alla presenza della moglie.

Dal punto di vista tecnico, partenza unica per tutte le categorie con percorso lungo parte del sentiero pedonale della Riserva Naturale da ripetere 3 volte per un totale di quasi 6 km..
Il dato agonistico, fra gli uomini, ha visto vincitore assoluto Vincenzo Lorefice della Pol. Corso Italia Pisa che ha chiuso la sua gara con il tempo di 20’04” distanziando di poco, dopo un’appassionate sfida, Vincenzo Schembari dell’Atletica Padua Ragusa (20’21”) e Simone Macauda (20’40”) della Running Modica.
Tra le donne ha primeggiato Claudia Finielli dell’Atletica Reggio con 21’24” davanti Carmela Scibilia del G.S. Zeloforamagno (25’45”) e Daniela Ruta della Running Modica (27’05)
Alla fine grande entusiasmo dell’intero staff organizzativo con in testa il Presidente della Barocco Running Giorgio Platania che ha sottolineato l’importanza dello sport abbinato alla riscoperta della natura e del territorio e come l’evento sia stato un grande momento di aggregazione sportiva e di divertimento sia per i turisti che per gli stessi ragusani.

Redazione