Attualità Chiaramonte Gulfi 29/08/2015 15:48 Notizia letta: 2714 volte

Se San Vito diventa un manga giapponese

Palcoscenico sotto le stelle
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/29-08-2015/se-san-vito-diventa-un-manga-giapponese-500.jpg
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/29-08-2015/1440856446-1-se-san-vito-diventa-un-manga-giapponese.jpg&size=619x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/29-08-2015/se-san-vito-diventa-un-manga-giapponese-100.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/29-08-2015/1440856446-1-se-san-vito-diventa-un-manga-giapponese.jpg

Chiaramonte Gulfi - C’era anche una versione di San Vito manga, un ballo tratto dal Mago di Oz in versione moderna, l’ensemble di fiati del Corpo Bandistico “A. Scarlatti” e tanti artisti locali che si sono esibiti o sono stati premiati durante la manifestazione di ieri sera. “Palcoscenico sotto le stelle”, ormai, è diventato un appuntamento fisso per Chiaramonte. Ogni anno, infatti, il comitato per i festeggiamenti di San Vito, con il patrocinio del Comune, organizza questa serata dedicata ai chiaramontani che nel corso dell’anno si sono distinti per motivi artistici, personali, sportivi e molto altro. I premiati: il presidente dell’AVIS Giuseppe Mercorillo, la presidente dell’Annunziata Chiaramonte, squadra di volley femminile, Rosanna Paravizzini, il gruppo di pittori locali coordinato a Elisa Ragusa, l’organista Giovanni Morreale, l’artista italo-americana Adriana Iacono e i ragazzi che hanno partecipato al torneo notturno di calcetto organizzato per San Vito, accompagnati dal presidente Rosario Brullo. Le prime tre classificate (I Brasiliani, All Stars e Radio Tele-Locale), hanno ricevuto il trofeo, mentre è stato assegnato un premio al miglior giocatore del torneo, Giovanni Cutraro. Molto interessante, fra il gruppo dei pittori locali, l’opera realizzata in acquarelli e china dalla diciannovenne Rossella Vitale: un San Vito formato manga che ha molto incuriosito il pubblico di piazza Duomo e non solo. La giovane artista, spiega: “L’idea è quella di riuscire a creare una raffigurazione che si distaccasse dall’iconografia classica tradizionale. Non volevo rappresentare San Vito come un mistico, ma come un ragazzo, facendo leva sul suo lato umano. Per questo, ho cambiato alcuni dettagli della tradizione: ad esempio, con i cani c’è un contatto personale e non sono solo alle catene. Diciamo che il mio è uno stile più giovane”. Rossella Vitale, inizierà a frequentare a breve la scuola del fumetto a Palermo. Elisa Ragusa, coordinatrice del gruppo, spiega: “Il tema della mostra è: tra i vicoli di San Vito. L’immagine del Santo Martire. Ogni artista ha dato una sua personale interpretazione della festa legata a San Vito e della sua immagine”. Oltre ai riconoscimenti, inoltre, la serata è stata caratterizzata dall’esibizione di alcuni artisti locali che hanno dato dimostrazione della loro passione. Si parte con il duo composto da Mattia Ferlito e Daniele Failla, i 2%, giovani musicisti alla pianola e alla batteria. Si prosegue con le coreografie del centro danza Relevé di Giuliana Voi: gli allievi, infatti, si sono esibiti in un balletto tratto dal “Mago di Oz” ma in versione moderna. L’ensemble di fiati del Corpo Bandistico “A. Scarlatti”, diretto dal maestro Sebastiano Gurrieri, ci regala un momento di musica: dall’Eine Kleine Nachtmusik di Mozart fino al Can Can. Gurrieri, curatore e maestro dei giovani allievi, dichiara: “Abbiamo pensato che stasera fosse giusto far esibire i più giovani componenti del gruppo. A breve partiremo per la nostra tournèe in Toscana, faremo due concerti”. Il baritono amatoriale Ariel Cutraro, accompagnato alle tastiere da Paolo Fornaro, regala al pubblico due brani. E’ la volta, poi, di una coppia di motociclisti: Vitalita Morando e Sebastiano Giaquinta, partiti da Capo Passero e Arrivati fino a Capo Nord. Proprio il nostro giornale, in data 27 luglio 2015, aveva raccontato la storia di questi due centauri chiaramontani amanti delle due ruote e dell’avventura. E’ la volta, successivamente, degli allievi della University Dance di Vittorio Terranova, dei cantanti Martina Occhipinti e Armando Cocimano (di 7 anni, amante della musica ma anche, come lui stesso dice, dei Go-Kart) e di Sarah Stracquadaini. La serata, si chiude con le danze del gruppo “Miss” della University Dance, reduci anche di aver partecipato al campionato nazionale di Rimini (coreografie di Orazio Terranova). Ha presentato la serata il giornalista Antonio Nicosia.

Irene Savasta
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg