Cronaca Modica 30/08/2015 17:28 Notizia letta: 14186 volte

Si lancia dal quinto piano, muore Salvatore Modica

Era noto come "u tedescu"
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/31-08-2015/1441006320-0-cade-dal-quinto-piano-muore-salvatore-modica.jpg&size=500x500c0

Modica - Si è fatto il segno della croce, poi si è sporto dalla finestra del quinto piano di un condominio ubicato sulla Circonvallazione Ortisiana, a Modica Sorda. Sono gli ultimi momenti di vita del pregiudicato Salvatore Modica, noto come “il tedesco”, 44 anni, che ieri si è lanciato giù, finendo tragicamente la sua vita dinanzi agli occhi increduli dei condomini e dei militari dell’Arma della Radiomobile di Modica, che hanno tentato il possibile per poterlo salvare.
L’uomo ieri mattina si è recato nel palazzo in cui poco dopo è avvenuta la tragedia, per chiarire alcuni problemi con dei conoscenti. Era arrabbiato e furioso. Non appena è entrato nella palazzina ha iniziato a prendere a calci e pugni porte, cassette per le lettere, muri. Modica urlava e sbraitava tanto forte che alcuni residenti del palazzo si sono spaventati per la loro stessa incolumità e dei proprie familiari e hanno chiamato i militari dell’Arma della Compagnia di Modica, perché intervenissero al più presto per sedare gli animi del 44enne.
All’arrivo dei carabinieri, l’uomo è salito su per le scale fino a raggiungere il quinto piano del palazzo. Ha aperto poi la finestra. E guardando i carabinieri che nel frattempo arrivavano nel pianerottolo, ha fatto il segno della croce e si è sporto. I carabinieri hanno tentato, ma invano, di farlo desistere dall’insano gesto. Il “tedesco” si è appeso al cornicione dell’apertura, restando penzoloni nel vuoto. Pochi attimi di panico. I condomini erano atterriti, prefigurandosi il peggio. E non è tardato ad arrivare. Malgrado i tentativi di farlo desistere effettuati dai militari dell’Arma della Radiomobile, il “tedesco” si è buttato giù.
I carabinieri hanno effettuato i rilievi del caso e hanno ricostruito quanto era accaduto, sentendo i testimoni di questa tragedia e anche i conoscenti di Salvatore Modica che abitano nella palazzina da cui ha effettuato un volo pauroso schiantandosi violentemente al suolo. Hanno acquisito tutte le informazioni per comprendere cosa sia scattato nella mente di Modica, cosa possa averlo condotto all’insano gesto.
Al termine dei rilievi il pubblico ministero di turno della procura della Repubblica di Ragusa ha disposto la consegna della salma ai familiari perché possano organizzare i funerali del loro congiunto.

Valentina Raffa