Attualità Chiaramonte Gulfi 05/09/2015 14:30 Notizia letta: 2934 volte

L'eterno carnevale di Chiaramonte

Zuppà
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/05-09-2015/l-eterno-carnevale-di-chiaramonte-500.jpg

Chiaramonte Gulfi - Si è svolta ieri sera a Chiaramonte Gulfi la seconda serata di “Zuppà”, la manifestazione organizzata dalla Consulta Giovani e da varie associazioni culturali che per tre giorni animerà la cittadina montana. La seconda serata è stata dedicata all’arte in strada concepita nel suo significato più ampio: dai murales alla street dance, fino al teatro in piazza San Salvatore, passando per la degustazione dei cannoli offerti dal Consorzio Chiaramonte e dall’istituto Alberghiero, per finire coi manichini viventi a tema “Il carnevale di Rio”. In piazza San Salvatore, si sono susseguiti diversi spettacoli teatrali e non solo: si parte con un video a cura del Consorzio Chiaramonte , mentre il gruppo adulti del laboratorio teatrale “Teatrando” diretto da Marta Laterra hanno proposto due lavori: “Ritratti di Famiglia” e “I primi saranno gli ultimi”. Nando e Giosuè Chessari per l’associazione Youpolis, invece, propongono due spettacoli di cabaret: “Ci chiamiamo Giosuè e Nando” e “Se io avrei”, lavoro sugli strafalcioni grammaticali nell’epoca di facebook. Infine, due cortometraggi: “Voci di terra matta”, realizzato da Giancarlo Catania e Simone Lucifora e “Maaria”, realizzato dal gruppo teatrale “Skiffariati”. In corso Umberto, invece, Vincenzo Giustolisi e Davide Maria, entrambi dell’accademia delle belle arti di Catania, hanno realizzato per l’intera serata con la tecnica delle bombolette spray due murales a tema “Zuppà”. Poco più in basso, sempre in corso Umberto, la bellissima opera in 3D realizzata da Gennaro Troia della scuola Napoletana dei madonnari. Gennaro Troia, spiega: “Ho lavorato circa 30 ore in tre giorni per realizzare questo lavoro: ho creato l’illusione di un’apertura sul pavimento che, guardando, ci restituisce l’immagine della Sicilia”. I manichini viventi, invece, a tema “Carnevale di Rio”, sono stati creati grazie alla sinergia di alcune attività chiaramontane: i vestiti sono stati disegnati da Elena Restuccia e realizzati da Maria Concetta Scifo, mentre trucco e parrucco sono stati opera di Estetica Venere e Quattromani Acconciature, oltre ai gioielli messi a disposizione dall’orafo Marco Gurrieri. In piazza Duomo, oltre alla degustazione dei cannoli di ricotta, si sono susseguite sul palco alcune band locali. Durante tutta l’intera serata, infine, si sono esibite le ragazze della scuola di danza “Relevé” di Giuliana Voi. Per l’occasione, anche la statua chiamata “Paolina Bonaparte” (la ballerina del Canova), che si trova di fronte al Municipio, è stata insignita di Tutù verde fosforescente, con tanto di scarpe appese al braccio e acconciatura di foglie.

Irene Savasta
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg