Attualità Chiaramonte Gulfi 06/09/2015 15:24 Notizia letta: 2514 volte

Il ballo in maschera, in piazza

Un calderone di divertimento
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/06-09-2015/1441545984-0-il-ballo-in-maschera-in-piazza.jpg&size=470x500c0

Chiaramonte Gulfi - Termina con il gran ballo in maschera in piazza Duomo la seconda edizione di Zuppà, il calderone di eventi ideato dalla Consulta Giovani e da diverse associazioni culturali chiaramontane patrocinato dal Comune di Chiaramonte. L’edizione 2015, dunque, va in archivio facendo registrare un ottimo numero di presenze per il gran finale. Piazza Duomo, infatti, per il gran finale era gremita di giovani, meno giovani e bambini che hanno approfittato della bella serata per mascherarsi e concedersi un carnevale di settembre. Si parte con la sfilata delle mascherine in corso Umberto, riservata ai bambini dai 3 agli 8 anni, curati dallo staff dell’associazione Namasté. Non pervenuti i carristi. Si prosegue, successivamente, con lo spettacolo in piazza: animazione caraibica curata dalla scuola di ballo ragusana “Siculatino” e musica dei DJ locali. Infine, arriva il momento della guest star della serata: il DJ Teddy Romano che con il suo spettacolo “Siamo tutti un po’ pagliacci”, ha dato vita ad uno spettacolo interattivo con il pubblico di piazza Duomo. La manifestazione, dunque, va in archivio. Soddisfazione è stata espressa dagli organizzatori, in primis i rappresentanti della Consulta Giovani: Dicono il presidente della Consulta dei giovani, Giancarlo Catania, e il vice Francesco Scollo: “Abbiamo riscaldato per bene la minestra (Zuppà) e ne è uscito un evento straordinario che ha abbracciato tutte le fasce di età. Abbiamo chiuso la manifestazione con il carnevale e a Chiaramonte si sa che il carnevale è qualcosa di speciale. Dobbiamo viverlo come uno stato d'animo dove ognuno di noi mostra la propria natura. Il carnevale abbraccia sia i giochi, il divertimento sia l'arte. Infatti, con non poca fatica abbiamo cercato di rendere artisticamente e carnevalescamente Chiaramonte adattandola al tema delle tre serate di Zuppà. Ringraziamo le famiglie, le attività commerciali chiaramontane che ci hanno sostenuto e le circa 60 persone che hanno collaborato perché ogni cosa andasse per il verso giusto. Abbiamo dimostrato ancora una volta che Chiaramonte Gulfi ha tutte le carte in regola per tornare ad essere la perla degli Iblei”.

Irene Savasta
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif