Appuntamenti Ragusa

A Ragusa ridipingono la città

Festiwall

Ragusa - L'arte come non la si era mai vista in città. Ma anche grande musica, laboratori, e occasioni di crescita per un'intera comunità. FestiWall, tra il 21 e il 27 settembre, cambierà il volto a Ragusa, a partire dalle pareti.
Dopo aver svelato i nomi dei cinque grandi artisti di fama mondiale (Moneyless, Pixel Pancho, Natalia Rak, Millo e Daniel Eime) che hanno accettato l'invito del festival di street art più meridionale d'Europa, il Comune di Ragusa, Extempora e S/Oggetti Negativi, promotori dell'evento, rivelano il programma completo.
La chiamata alle arti di Ragusa partirà lunedì 21, alle ore 15:00, quando Daniel Eime, Moneyless e Millo, rispettivamente in via Ariosto, via Ducezio (biblioteca comunale) e via Alfieri (protezione civile) inizieranno a dipingere i "loro" muri. Seguiti, nei giorni successivi, da Pixel Pancho, che prenderà possesso della parete di via Ercolano di fronte al Prima Classe alle 10 di martedì 22; e da Natalia Rak che mercoledì 23, alle 15 comincerà a lavorare sulla parete di via Archimede sovrastante il campo Enel.
Numerosi gli eventi collaterali che arricchiscono il festival: giovedì 24 alle 18 tutti #sottoilmuro al Prima Classe, dove alle 22 si esibiranno w/Gentless e Da Black Jezus.
Venerdì 25 tra le 15 e le 18:30 porte aperte ai bambini, protagonisti del laboratorio curato dai ragazzi di Borgo Vecchio Factory di Palermo. Stesso orario, alle 15, per l'apertura del FestiWall Lab con il Laboratorio di Serigrafia Teatro Mediterraneo Occupato. In serata l'attesissimo concerto dei romani Colle Der Fomento, aperto e supportato dal duo Soulcé & Teddy Nuvolari e dai dj set curati da Il Dodo e Manja Fayah.
Sabato 26, alle 18, l'Aperitivo Serigrafico del FestiWall Lab a piazza San Giovanni.
Conclusione in grande stile domenica 27, quando la città avrà ufficialmente in dono le sue nuove opere d'arte a cielo aperto. In piazza san Giovanni, a partire dalle 17, con un picnic urbano cui sono tutti invitati; la presentazione del libro "Graffiti, poetiche della rivolta" di Marcello Faletra e infine il talk con Borgo Vecchio Factory ed altre associazioni culturali sui temi dell'arte, degli spazi sociali e dei beni comuni.
Un'intera settimana durante la quale la città potrà vivere una realtà di respiro internazionale, il cui esito lascerà alla cittadinanza cinque opere d'arte fruibili da tutti. «La forza del FestiWall - ha infatti ricordato l'assessore alla cultura Stefania Campo - sta anche nella collaborazione attiva tra il pubblico e il privato, dal momento che i cittadini stessi, mettendo a disposizione le pareti esterne dei propri condomini "adottano" un'opera e ne diventano tutori». «Importanti - sottolinea Vincenzo Cascone di Extempora - sono anche le pareti scelte: Biblioteca Comunale e Protezione Civile, pubbliche e di grande valore per la città. Il palazzo sito in via Ercolano di fronte al Prima Classe, uno dei luoghi di ritrovo giovanile più frequentati dai ragazzi. Un altro palazzo sovrasta il campo Enel, luogo votato allo sport, mentre il quinto sito in via Padre Anselmo segna il limite della zona sud».
«Il nostro obiettivo - conclude Antonio Sortino di S/Oggetti Negativi, curatore con Cascone dell'evento - è quello di spronare culturalmente una città già pronta al cambiamento e veicolare attraverso un linguaggio artistico non convenzionale una riflessione sulla città che abitiamo. FestiWall, forte anche del calibro internazionale degli artisti che verranno a lasciare il proprio segno sui nostri muri, è un'occasione per inserire la città di Ragusa all'interno di un circuito artistico di portata mondiale».

http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif