Attualità Venezia 10/09/2015 21:17 Notizia letta: 2185 volte

Il ragusano Massimo Denaro al Festival del Cinema di Venezia

Un film su Pino Zac
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/10-09-2015/il-ragusano-massimo-denaro-al-festival-del-cinema-di-venezia-500.jpg
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/10-09-2015/1441913519-1-il-ragusano-massimo-denaro-al-festival-del-cinema-di-venezia.jpg&size=642x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/10-09-2015/il-ragusano-massimo-denaro-al-festival-del-cinema-di-venezia-100.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/10-09-2015/1441913519-1-il-ragusano-massimo-denaro-al-festival-del-cinema-di-venezia.jpg

Ragusa - La settantaduesima Mostra del Cinema di Venezia ha selezionato il film del ragusano Massimo Denaro "Zac, i fiori del Male" in programma fuori concorso nella nuova sezione “Il Cinema nel Giardino” al Lido di Venezia; la proiezione è stata preceduta dall'incontro "I Disegnatori de Il Male" con Drahomira Biligova, Riccardo Mannelli, Vincino, Vincenzo Sparagna e Valter Zarroli.

"Zac, i fiori del Male" ripercorre l’attività umana e professionale di Pino Zac a partire dalla casa dove fu trovato senza vita nel 1985 a pochi chilometri da L’Aquila, un castello, un universo zacchiano, in abbandono. Nel palazzo è tutto sospeso dal 1985: ogni cosa al suo posto, pennelli, colori, tavoli, libri, vestiti, letti, medicine. Tutto come fosse in attesa del ritorno del suo padrone, uscito di fretta a comprare il giornale. Ha inizio qui la ricerca sulla figura di Pino Zac da parte del giovane regista Massimo Denaro che, attraverso le testimonianze di Valter Zarroli, Vauro, Riccardo Mannelli, Vincino, Jacopo Fo, Vincenzo Sparagna, Drahomira Biligova, ci fa rivivere una delle esperienze più stimolanti della satira italiana con la redazione di Il Male di cui Pino Zac non è stato non solo il direttore, ma la guida, il talent scout, capace di inaugurare una nuova stagione satirica che arriva sino a oggi.

Redazione