Attualità Scicli 12/09/2015 20:07 Notizia letta: 2576 volte

Jungi or Chiafura, that is the question

L'inaugurazione il 13
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/12-09-2015/1442081303-0-jungi-or-chiafura-that-is-the-question.jpg&size=599x500c0

Scicli - Sarà inaugurato domani, 13 settembre alle ore 21.00 a Scicli, presso i suggestivi spazi di SITE MILL - Mulino San Nicolò, il progetto Uocchi Contruocchi Virici l'Uocchi. Un percorso composto da opere inedite, ideate e realizzate nella città barocca siciliana, in dialogo con una selezione di progetti realizzati negli anni precedenti, dagli artisti Fabrizio Ajello, Christian Costa e Stefano Giuri del progetto di arte pubblica Spazi Docili, ospiti in residenza a Scicli dallo scorso 15 agosto. Invitati dal collettivo SITE SPECIFIC, gli artisti hanno avuto modo in questo periodo di conoscere e scoprire le peculiarità del territorio e delle persone che lo abitano, generando attraverso un processo di ricerca sul campo un'analisi critica ed estetica sui luoghi e sulla collettività.
L’attività di Spazi Docili a Scicli si è sviluppata attraverso tre linee principali d’azione: interventi di arte pubblica di taglio relazionale, esplorando il territorio e interagendo con le realtà sociali e culturali locali al fine di realizzare dei lavori all’interno del tessuto urbano e in collaborazione con le comunità del luogo; un momento espositivo che presenti una selezione di opere e racconti i processi politico-economici legati al sistema dell’arte; un’attività formativa e dialogica realizzata attraverso alcuni incontri formali ed informali con pubblico, artisti ed intellettuali locali, oltre che con ospiti esterni invitati ad hoc per allargare il raggio d’azione della residenza e della collaborazione con SITE SPECIFIC.

SPAZI DOCILI
Spazi Docili è un progetto di arte pubblica di taglio relazionale ideato e curato dagli artisti Fabrizio Ajello e Christian Costa. Entrambi sono coinvolti anche in altri progetti a lungo termine quali: Progetto Isole (Palermo, dal 2005), N.EST (Napoli, dal 2007) e Biennale Urbana (Venezia, dal 2014). I progetti di Spazi Docili sono stati presentati in esposizioni collettive e personali in vari Paesi (Italia, Polonia, Repubblica Ceca, Slovenia, Francia, Regno Unito, Cina, Cile, USA, Russia, Grecia, Olanda, Germania, etc) e in eventi quali la Biennale di Venezia, il World Expo, la Biennale di Liverpool, l'European Culture Congress, etc.
Il progetto nasce nel 2008 a Firenze per analizzare le interazioni tra politica, sistema dell'arte e linguaggi estetici alla ricerca di quegli spazi “docili” al Potere in cui l'incompetenza della classe politico-burocratico-amministrativa italiana prende delle forme concrete, addirittura tangibili.
Nel corso degli anni Spazi Docili ha prodotto indagini sul territorio (focalizzate principalmente su ex Meccanotessile, monastero di Sant’Orsola, area dell’Osmannoro e vari altri segmenti della città di Firenze), interventi di arte pubblica, workshop, mostre, lecture, talk e residenze artistiche, in qualità di piattaforma curatoriale. Dopo una prima fase centrata sulla realtà fiorentino/toscana, sono nati progetti in altri contesti culturali: Breslavia, Cardiff, Venezia, Roma, New York, Beirut.
Ad un'intensa attività di ricerca in ambito filosofico e urbano è sempre stata affiancata un'esplorazione approfondita delle culture popolari e dei segni materiali distintivi del territorio. Questo ha portato allo studio e all'utilizzo di tecniche artistiche tradizionali in dialogo con i linguaggi creativi contemporanei.

Site Specific ringrazia Emanuele Giunta, la Famiglia Pacetto e Viviana Pitrolo per la sensibilità e il sostegno nei confronti dell'arte. Inoltre ringrazia il prof. Paolo Nifosì, Padre Antonio Sparacino e la Società Cooperativa Triskele per la collaborazione nella realizzazione del progetto.
 

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg