Appuntamenti Ragusa 18/09/2015 18:05 Notizia letta: 2506 volte

Dal 21 settembre a Ragusa è Festiwall

Artisti internazionali
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/18-09-2015/dal-21-settembre-a-ragusa-e-festiwall-500.jpg

Ragusa - Tutto pronto per l'avvio del festival di street art FestiWall.
Gli artisti Moneyless, Daniel Eime, Pixel Pancho, Natalia Rak e Millo sono in arrivo, e le pareti di due edifici pubblici e tre privati sono pronti ad accogliere le gigantesche opere d'arte, che rimarranno patrimonio della città.
Stamattina presso il Comune di Ragusa l'assessore alla cultura Stefania Campo, Antonio Sortino dell'associazione S/Oggetti Negativi e Vincenzo Cascone della casa di produzione Extempora, i tre soggetti promotori dell'evento, hanno presentato alla stampa il festival.
«L'evento - ha detto l'assessore Campo - ha alle spalle un grande coordinamento e un lavoro durato più di un anno. Quando i due organizzatori mi fecero la proposta, ormai più di un anno fa, l'amministrazione la sposò con molto entusiasmo, sebbene non sia stato di semplice realizzazione strutturare il coordinamento tra il Comune e i privati che mettono a disposizione le facciate dei propri condomini: la macchina organizzativa è complessa, e quello che ne risulterà sarà un grande museo a cielo aperto, con opere d'arte firmate da artisti di fama internazionale. In questo modo Ragusa otterrà un'intera settimana di festa che coinvolgerà l'intera città, ma anche un veicolo di promozione turistica alternativa: saranno sufficienti infatti i nomi degli artisti coinvolti a inserire la città in un circuito artistico di respiro mondiale. L'amministrazione è lieta inoltre di poter in questo modo contribuire a rivalorizzare le zone più ingrigite della città, con un evento di valore anche simbolico: non a caso a conclusione, domenica, si terrà un ampio dibattito sull'utilizzo degli spazi pubblici, durante il quale interverranno giuristi, docenti e associazioni culturali che hanno già fatto questo tipo di esperienza sociale in altre città, come nel caso del collettivo Borgo Vecchio Factory di Palermo».
Le scelte sono ponderate e strutturate, come sottoline Antonio Sortino di S/Oggetti Negativi. «Le cinque opere - dice - sono dislocate nella zona sud di Ragusa, attorno alla via Archimede, e l'intento è quello di contrastare l'ipercementificazione cui ormai siamo assuefatti. L'iniziativa ha ottenuto un riscontro favorevolissimo: in primo luogo dall'Amministrazione, che ringraziamo, ma anche dagli sponsor, uno dei quali, Leggio, fornisce gratuitamente tutti i colori necessari, e infine da un nutrito gruppo di ragazzi e amici, che hanno sposato la causa prestandosi a collaborare. Sono loro, insieme a noi, che hanno già preso in mano i rulli per preparare le pareti, dando la prima mano. Quello che vogliamo è portare in città una dose massiccia di street art, che permetta a tutti di riappropriarsi della città, creando momenti di aggregazione per tutti: dai più piccoli (già sold out, in meno di 24 ore, le iscrizioni al laboratorio per bambini tenuto dallo street artist Poki) agli adulti, ai quali sono dedicaati i due appuntamenti musicali con w/Gentless3 e Black Jezus; e con i Colle der Fomento, pionieri dell'hip hop in Italia, che canteranno con i ragusani Soulcé & Teddy Nuvolari. Ci saranno poi djset, esposizioni, "incursioni" di artisti amici (uno dei quali notissimo e quotato a livello nazionale) che a loro volta ci sorprenderanno con i loro dipinti su parete. Ci auguriamo che questa prima edizione di FestiWall serva ad aprire i canali, sensibilizzando tutti: sarebbe bello se le generazioni future ne facessero tesoro, traendone ispirazione».
La street art, infatti, nasce come fenomeno di rivolta e di protesta, e mantiene la propria impronta originaria, ma si estende ormai anche su altri canali. Ricorda infatti Vincenzo Cascone di Extempora: «Si tratta di un fenomeno che si studia ormai anche nelle università, una forma d'arte che dà la possibilità di vivere la città e autorappresentarsi. Non rinunceremo tuttavia a dare un'impronta di magia all'evento: per due settimane infatti, le pareti saranno illuminate dal basso, dando al quartiere e ai disegni un aspetto onirico. È tempo che la città di Ragusa, dopo anni di cementificazione e di creazione di non luoghi, riacquisti una identità».
«È tempo - conclude Sortino - che lo sguardo delle persone torni a guardare verso l'alto».

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg