Attualità Comiso 22/09/2015 15:28 Notizia letta: 3028 volte

Il vero padrone dell'aeroporto di Comiso? Crocetta!

Prendetevela con lui
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/22-09-2015/1442928589-0-il-vero-padrone-dell-aeroporto-di-comiso-crocetta.jpg&size=667x500c0

Comiso - Quante volte ci è capitato di leggere le dichiarazioni dei nostri parlamentari regionali in merito all’aeroporto di Comiso? Se facessimo una piccola ricognizione generale probabilmente scopriremmo che quasi tutti lamentano il poco interesse nei confronti dello scalo ibleo.

La politica ha spesso lamentato la mancanza d’interesse vero l’aeroporto, accusando non si sa bene chi di non averlo valorizzato adeguatamente, quando in realtà basterebbe guardare le proprietà delle quote della SAC per capire di chi è eventualmente la colpa di mancanze e di adeguate valorizzazioni.

Si omette di dire che la Regione Siciliana, governata da Rosario Crocetta, detiene attualmente de facto i 6/8 delle quote della SAC, la società catanese che controlla la SOACO di Comiso che, a sua volta, gestisce l’aeroporto Pio La Torre. Questi 6/8 delle quote sono diventati al momento sostanzialmente di proprietà della Regione per via dei commissariamenti. 3/8, infatti, sono di proprietà della Camera di Commercio di Catania, che è commissariata e quindi è controllata dalla Regione. 1/8 è di proprietà della Provincia di Catania, che è anch’essa commissariata, così come tutte le provincie. 1/8, è di proprietà della Provincia di Siracusa: anche per Siracusa vale lo stesso ragionamento per Catania. 1/8, è di proprietà delle ex ASI, attualmente IRSAP, le zone industriali anche loro commissariate. Gli ultimi 2/8 sono così suddivisi: 1/8 è di proprietà della Camera di Commercio di Siracusa e 1/8 della Camera di Commercio di Ragusa.

La domanda, a fine ragionamento, sorge spontanea: i nostri parlamentari regionali, quando parlano di scarso interesse verso l’aeroporto degli iblei, con chi dovrebbero prendersela? Vale in questo caso il vecchio detto, “medico cura te stesso”.

Irene Savasta