Cronaca Ragusa 25/09/2015 14:07 Notizia letta: 2720 volte

Mucche abusive

I Nas sequestrano una mandria
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/25-09-2015/mucche-abusive-500.jpg

Ragusa - I carabinieri del Nucleo antisofisticazioni e sanità (NAS) di Ragusa hanno scoperto e sottoposto a sequestro un intero allevamento totalmente abusivo.
Nel continuare l’attività di controllo sul pascolo abusivo e sulla proliferazione di capi non registrati e conseguenti macellazioni clandestine condotta da diverso tempo in tutta la provincia ma in particolar modo nei comuni di Monterosso e Giarratana e nella parte settentrionale del comune di Ragusa, le zone tra santa Rosalia e San Giacomo, i carabinieri erano nella zona tra san Giacomo e Giarratana alla ricerca di alcuni capi senza marchi auricolari che erano stati segnalati dai passanti.
Nel corso delle ricerche i militari sono arrivati ad un allevamento della zona e, non senza stupore, nella stalla hanno trovato ben diciotto bovini e un cavallo tutti privi di marchio auricolare e quindi di origine sconosciuta.
Sul posto a questo punto sono intervenuti anche i veterinari dell’ASP 7 di Ragusa.
La proprietaria della struttura ha riferito di aver affittato la stalla a un allevatore di fuori, un cinquantacinquenne modicano i quale sul momento non ha dato valide indicazioni sull’origine dei capi. Tutti e diciannove gli animali sono stati sottoposti a sequestro e il modicano ora avrà due giorni di tempo per dimostrare l’origine lecita degli animali. In tal caso i veterinari potranno, tramite l’analisi del DNA chiarire quale sia la madre dei bovini e dell’equino, e il modicano dovrà pagare solo la sanzione amministrativa per l’omessa applicazione dei marchi auricolari. In caso contrario tutta la mandria dovrà essere abbattuta e distrutta.
LA vocazione fortemente agricola della provincia iblea fa sì che anche nel campo zootecnico vi siano talvolta comportamenti illeciti. L’anno scorso un allevatore modicano era stato scoperto ad utilizzare medicinali illegalmente importati dall’America (poiché vietatissimi su tutto il territorio dell’Unione Europea) sulle proprie vacche per far loro produrre più latte. Spesso si trovano bovini senza marchio auricolare poiché all’atto della nascita l’allevatore non li registra. Tale comportamento porta poi – ovviamente – ad un altro ancora peggiore, ovvero alla macellazione abusiva.
La provincia di Ragusa ha la fortuna di avere un Nucleo Antisofisticazioni e sanità dei carabinieri proprio nel capoluogo. La presenza di tale reparto specializzato dell’Arma in sede permette maggiori e migliori controlli nel comparto agricolo/zootecnico, ma anche in tutta la catena alimentare e di distribuzione e ristorazione, nonché nella sanità.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg