Attualità Scicli 06/10/2015 09:13 Notizia letta: 2614 volte

Tariffe 2014, una multa di 232 mila euro al Comune di Scicli

Danno erariale
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/06-10-2015/1444115693-0-tariffe-2014-una-multa-di-232-mila-euro-al-comune-di-scicli.jpg&size=911x500c0

Scicli - Un danno erariale di 232 mila euro.
E’ quello procurato al Comune di Scicli dal mancato adeguamento delle tariffe dei servizi a domanda individuale nel 2014.
In città è scoppiata la polemica in seguito alla scelta dei commissari straordinari di portare alle stelle le tariffe per l’utilizzo degli impianti sportivi e dell’asilo nido comunale.
Nei giorni scorsi era stata addirittura ventilata l’ipotesi di una sorta di manifestazione in pantaloncini e scarpette da ginnastica davanti al Comune.
I commissari si sono difesi dicendo che gli aumenti sono imposti dalla legge, dato che l’ultima gestione politica ha lasciato il Comune in pre-dissesto. E facendo trapelare un’informazione. Nel 2014, la giunta dei “responsabili” non ha adeguato le tariffe e questo ha comportato una multa, una sanzione da parte dello Stato in danno del Comune.
Ma a quanto ammonta la multa? Secondo il testo unico degli enti locali, nei comuni in pre-dissesto, qualora non venga realizzato un introito pari almeno al 36% del costo dei servizi a domanda individuale, l’ente inadempiente è soggetto a una sanzione pari al 10% dei primi tre titoli delle entrate del bilancio consuntivo dell'anno precedente.
Nella fattispecie non si è raggiunto il 36% nel 2014. Il Comune ha avuto una "multa" di € 232.000 (pari all'1% dei primi tre titoli del consuntivo 2013) sotto forma di minori trasferimenti.
Si configura a questo punto un palese danno erariale, su cui indagherà la Corte dei Conti. L’aumento delle tariffe è conseguenza anche di tale buco lasciato dagli amministratori del 2014.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif