Scuola Scicli 07/10/2015 19:55 Notizia letta: 2433 volte

Cantiere agroalimentare, il Cataudella chiede 700 mila euro

Made in Sicily
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/07-10-2015/1444240594-0-cantiere-agroalimentare-il-cataudella-chiede-700-mila-euro.jpg&size=667x500c0

Scicli - L'istituto superiore Cataudella ha realizzato una rete di scuole composta da tutte e quattro le istituzioni scolastiche della città: Il Cataudella appunto come Capofila, l'Istituto Comprensivo “G. Dantoni”, Istituto Comprensivo “Don Milani”, Istituto Comprensivo “E. Vittorini”. Inoltre hanno aderito l’Ente locale Libero Consorzio Comunale di Ragusa, l’Università degli Studi di Catania e il CoRFilaC di Ragusa.
Si è presentato il progetto "Cantiere Agroalimentare: dalla terra alla tavola", richiedendo al Ministero un finanziamento di 700.000 euro.
Il "Cantiere Agroalimentare: dalla terra alla tavola" si propone di diventare una imponente struttura di riferimento per far conoscere, ad un ampio pubblico, l'agroalimentare Made In Sicily. "Intendiamo realizzare a Scicli, all’interno delle strutture dell’Istituto Superiore “Q. Cataudella”, laboratori didattici, coltivazioni e allevamenti dimostrativi, spazi degustativi, museo delle tradizioni contadine, sperimentazione e ricerca, spazi espositivi, per promuovere le produzioni siciliane" spiega il preside Enzo Giannone.
E' con questa consapevolezza che si vuole dar vita ad un "cantiere" dove è protagonista indiscussa l’enogastronomia siciliana. Bambini, ragazzi, turisti e operatori, potranno così conoscere le filiere alimentari, seguendo le produzioni dall'inizio fino alla realizzazione dei prodotti finiti. Le produzioni, infatti, saranno presentate nel percorso che li porta dalla terra alla tavola.
Si vuole dunque realizzare un laboratorio in cui sia gli studenti (con particolare riferimento a quelli a rischio dispersione scolastica) sia i giovani cosiddetti NEET, potranno acquisire conoscenze e competenze sulle modalità di utilizzo delle tecniche di produzione in agricoltura, sull'uso delle attrezzature per la produzione dei prodotti alimentari, ma anche sui differenti cicli produttivi, sull’approvvigionamento delle materie prime, sui servizi al cliente, sulla commercializzazione e sui rapporti con i destinatari finali dei prodotti, sulla sicurezza sul lavoro e sulla normativa che riguarda l’igiene degli alimenti.
I ragazzi impareranno inoltre a valutare la qualità e il tipo di alimentazione e le condizioni per garantirne il benessere, facendo riferimento in particolare a sistemi di produzione con metodo bio. Le imprese che partecipano al laboratorio renderanno possibile una formazione a “filiera corta”, in quanto ci sarà un diretto coinvolgimento degli imprenditori che affiancheranno i giovani in formazione. Le competenze acquisite spaziano dal management nelle imprese che operano in tutta la filiera dell’agro alimentare e del turismo rurale, dalla produzione alla trasformazione e distribuzione del prodotto, alla certificazione della qualità, alla gestione della comunicazione e del marketing, alla gestione di marchi e brevetti, alla programmazione e controllo dei processi di logistica.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1508745275-3-toys.jpg