Appuntamenti Scicli

Torregrossa in anteprima nazionale a Scicli

Il 14 ottobre

Scicli - Esce oggi il nuovo romanzo di Giuseppina Torregrossa, “Il figlio maschio”, che – dopo la presentazione il 9 presso la libreria Mondadori di Bologna e il 10 alla Mondadori di Campo dei Fiori (Roma) – Mercoledì 14 verrà presentato in anteprima siciliana a Scicli, a palazzo Busacca (via Nazionale, 43), dove l’autrice dialogherà con Giuseppe Pitrolo.
L’incontro rientra nelle “Conversazioni a Scicli” del Brancati e ha come sponsor l’Assap Pietro di Lorenzo Busacca, la Giunti al punto, la Loggia dell’Acanto, l’Ottica G. Spoto.
Giuseppina Torregrossa è nata a Palermo. Si è laureata in medicina a Roma, specializzandosi in ginecologia ed ostetricia. Ha svolto l’attività professionale a Roma, presso la clinica ostetrica dell’università di Roma – policlinico Umberto I.
Nel tempo libero scrive storie di vita vissuta: ha esordito nel 2007 con L’assaggiatrice, cui è seguita Adele (2008), ottenendo il successo nel 2009 con Il conto delle minne (Mondadori). Sono seguiti i romanzi Manna e miele, ferro e fuoco (Mondadori, 2011), Panza e prisenza (Mondadori, 2012), La miscela segreta di casa Olivares (Mondadori, 2014), A Santiago con Celeste (Nottetempo, 2014), “Il figlio maschio” (Rizzoli, 2015).
“Il figlio maschio” è una saga familiare che parte da una storia vera e che abbraccia un secolo di donne, libri e profumi della Sicilia. “Che può fare un uomo per garantirsi l’eternità, se non passare il testimone al figlio maschio?” si domanda il vecchio don Turiddu Ciuni: non si dà pace che la moglie si sia ostinata a far studiare tutti e dodici i loro figli, femmine comprese, e che nessuno di loro voglia occuparsi del feudo di Testasecca. La delusione più grande gliel’ha data il primogenito, Filippo, che alla terra ha preferito la letteratura, aprendo una libreria e pure una casa editrice. “Grandissime minchiate”, secondo l’anziano padre. Non la pensa così Concettina, che adora quel suo fratello sognatore e – siamo nel 1934 – vede in lui la possibilità di un futuro migliore per l’intera famiglia. Ma il destino si divertirà a sovvertire ogni aspettativa e, negli ottant’anni di storia raccontati in questo romanzo, chiamerà proprio lei, le figlie e le nipoti, a dimostrare quella straordinaria capacità di resistere che è propria di ogni donna.

http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif