Cronaca Ragusa 15/10/2015 09:08 Notizia letta: 5635 volte

Chiusa una casa a luci rosse a Ragusa

Il cliente è innamorato
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/15-10-2015/chiusa-una-casa-a-luci-rosse-a-ragusa-500.jpg

Ragusa - "Non ci posso fare niente mi sono innamorato di lei e vengo qui spesso, per favore non la mandate via”. Sono state queste le parole di un disoccupato ragusano 50enne quando è stato sorpreso dagli agenti della Polizia di Stato con una prostituta colombiana. Gli agenti della Squadra Mobile sono intervenuti per chiudere l'ennesima casa a luci rosse nel centro storico di Ragusa. Si tratta della settima dell'anno. Nel 2014, in tutto sono state 15 le case chiuse sottoposte a sequestro. Come spesso accade sono stati proprio i residenti ad informare gli agenti degli strani "rumori" del vicinato. Una residente, infatti, ha notato che a pochi passi da casa sua c'era uno strano via vai di gente, in particolare vi erano diversi uomini in attesa di consumare rapporti sessuali a pagamento. La donna, inoltre, ha dichiarato alla Polizia di essere certa che si trattasse di una casa a luci rosse in quanto da casa sua sentiva grida di ogni genere e parole di sicuro difficilmente spiegabili ai suoi bambini: “Ho visto su internet che avete chiuso tante case dove si esercita la prostituzione a Ragusa, vi prego ho anche io ho un problema, per favore intervenite”. In brevissimo tempo la Squadra Mobile ha predisposto un mirato servizio grazie agli agenti della Sezione specializzata in criminalità straniera e prostituzione che effettivamente hanno riscontrato quanto segnalato. Si è accertato, infatti, che all'interno di una casa di via G.B. Odierna vi era una prostituta colombiana (con cittadinanza italiana) insieme ad un cliente. Come spesso accade le prostitute subaffittano le case ad altre prostitute così da cambiare spesso città ed offrire sempre “novità” ai clienti in cerca del piacere sessuale a pagamento. Il proprietario dell'immobile e' stato convocato proprio oggi è sarà diffidato dal non affittare più case a persone che esercitano la prostituzione. All’interno dell’abitazione sono stati trovati i soliti “accessori” per ogni gusto sessuale: falli di gomma, vibratori, gel lubrificanti, unguenti afrodisiaci, fruste, cinghie e corpetti sardo-maso. Da notare che Il dato rilevante di questa tipologia di controlli per il ripristino della legalità ha fornito fino da ora un feedback positivo eccezionale, ovvero l’assenza di recidiva ad eccezione di un solo caso che ha permesso alla Squadra Mobile di sottoporre a sequestro un intero immobile attualmente ancora sottratto alla disponibilità del proprietario che non curante della diffida di non affittare a prostitute lo ha nuovamente permesso. Anche in questo caso si trovano conferme sul giro d’affari che è di rilevante entità, in quanto tutto dipende dalle richieste dei clienti. I prezzi oscillano da 50 a 200 euro, dipende dai “gusti” e dalle richieste sessuali, a volte possono arrivare a prezzi ancora più alti, come per il sesso di gruppo. Il cliente trovato con la prostituta, un disoccupato ragusano di 50 anni, ha riferito di essersi innamorato della donna tanto da averle portato solo una pizza al fine di consumare la cena per poi avere un rapporto sessuale pagando 50 euro: "Per favore non mandatela via mi sono innamorato, non fa nulla di male”.

Irene Savasta
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif