Lettere in redazione Vittoria 15/10/2015 10:28 Notizia letta: 1507 volte

Donne a Sud: mai ricevuto finanziamento

Riceviamo e volentieri pubblichiamo
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/15-10-2015/1444897746-0-donne-a-sud-mai-ricevuto-finanziamento.jpg&size=892x500c0

Vittoria - “E’ un articolo lesivo dell'immagine dell’associazione Donne a Sud, che opera ed ha sempre operato nella massima trasparenza e chiarezza”. Inizia così la nota con la quale la rappresentante legale di Donne a Sud, Rossana Caudullo, prende posizione ufficialmente dopo aver letto l’articolo che il giornale Ragusanews.com ha pubblicato l’8 ottobre e che recita testualmente:

“L'assessorato regionale ai beni culturali, retto da Antonio Purpura, revoca finanziamenti non finalizzati. E' la novità di questi giorni, che ha interessato anche realtà della provincia di Ragusa. A finire sotto la scure delle revoche anche l'associazione Donne a Sud di Vittoria, cui è stata notificata la revoca di un finanziamento di quasi 15 mila euro per un progetto denominato "Le favole, i miti, le storie della masseria ragusana". Si tratta di somme stanziate nell'ambito di una legge del 1979, rifinanziata, nel 2012, con un milione 327 mila euro. Contributi a pioggia, spesso assegnati ad associazioni che non avevano svolto la manifestazione o che non avevano diritto al finanziamento. Sono quindici i decreti di revoca firmati dall'assessorato e riguardanti realtà di tutta l'Isola”.

“Premesso che si tratta di una notizia vecchia di qualche mese (e, nello specifico, del 14 maggio scorso) – spiega l’Avv. Caudullo – ci tengo a precisare che il progetto in questione, non essendo attinente allo statuto di Donne a Sud (associazione nata, in primis, per tutelare le donne vittime di violenza) non è stato mai avviato e realizzato e nessun finanziamento è stato, quindi, erogato all'associazione. Ergo, non abbiamo ricevuto un solo centesimo, e sfido chiunque a controllare e dimostrare il contrario, e non dobbiamo restituire nulla”.

Rossana Caudullo