Attualità Vittoria 26/10/2015 14:46 Notizia letta: 2225 volte

Un vittoriese al compasso d'oro

E' Peppino Lopez
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/26-10-2015/un-vittoriese-al-compasso-d-oro-500.jpg

Vittoria - Un giovane designer della Provincia di Ragusa è fra i 12 canditati del premio “Compasso d’oro”, il più antico e prestigioso premio mondiale di designer. Si tratta del vittoriese Peppino Lopez, classe 1981, laureatosi in architettura nel 2009 al Politecnico di Milano con tesi sull’impianto distributivo generale, al dettaglio del sistema costruttivo del progetto seguita dalla prof.ssa Anna Mangiarotti. Una volta conseguita la laurea, ha svolto attività professionale in alcuni studi di architettura a Milano. Nel 2012 fonda “MIND” il suo primo studio di architettura che si trova nella città in cui vive oggi. Dalla passione per l’arte, per il design e l’architettura nasce Mind madeindesign, un laboratorio di ricerca e sviluppo di progetti all’avanguardia che mediante nuove sinergie tra architettura, designer e arte punta alla valorizzazione della cultura e del territorio attraverso le forme di espressione più varie. Mind madeindesign va alla ricerca di nuove espressioni e linguaggi utilizzati per arredare e vivere gli spazi quotidiani. Peppino Lopez è nella rosa dei candidati per la categoria “Design per l’abitare” con il progetto “Crochet tiles”. Il progetto in premiazione nasce dall’ idea di plasmare la materia per creare qualcosa di unico che riporti alla mente ricordi del passato. Dal beton, materiale completamente riciclabile, prendono forma eleganti intrecci e preziosi ricami tratti dalla lavorazione del merletto siciliano. Il filato sembra cucito nella materia, e la collezione – rigorosamente made in Sicily – traduce in materia l’estetica, regalando straordinari effetti visivi e tattili. Il risultato è una piastrella da rivestimento vera e propria espressione visiva e tattile in cui la materia si traduce in estetica. Una collezioni al limite tra artigianato e design dove l'attenzione per il dettaglio non è più rivolta al decorativismo lezioso quanto alla poetica dell'arte manuale. In mostra a Milano e Roma, arrivano al traguardo della candidatura dopo il vaglio di tre commissioni composte da duecento esperti nazionali dell’Osservatorio permanente del design. Un grande riconoscimento, quindi, per il design prodotto in Sicilia, che, a cavallo dei due secoli scorsi, grazie al binomio Basile-Ducrot, seppe emanciparsi dai repertori tradizionali guadagnandosi un posto nella storia del design italiano e internazionale. Il premio Compasso D’oro ADI è stato istituito nel 1954 da un’idea di Giò Ponti e per anni fu organizzato dai grandi magazzini “La Rinascente” e aveva lo scopo di mettere in evidenza il valore e la qualità dei prodotti del design italiano, allora ancora agli albori. Successivamente esso fu donato all’ADI che dal 1964 ne cura l’organizzazione, vigilando sulla sua imparzialità e sulla sua integrità. I quasi trecento progetti premiati in oltre cinquant’anni di vita del premio, insieme ai quasi duemila selezionati con la Menzione d’Onore, sono raccolti e custoditi nella Collezione Storica del Premio Compasso d'Oro ADI la cui gestione è stata affidata alla Fondazione ADI nel 2001. La commissione è costituita da esperti, designer, critici, storici, giornalisti specializzati, soci dell'ADI o esterni a essa. Con un'iniziativa che non ha precedenti nell'ambito del design internazionale il Ministero dei Beni Culturali - Soprintendenza Regionale per la Lombardia - con Decreto del 22 Aprile 2004, ha dichiarato "Di eccezionale interesse artistico e storico " la Collezione Storica del Premio Compasso d'Oro ADI, inserendola conseguentemente nel patrimonio nazionale. Dodici sono i prodotti progettati da designer siciliani e realizzati da aziende dell'isola selezionati da ADI Design Index nel 2014 e nel 2015, e perciò candidati alla XXIV edizione del Compasso d’Oro. Vengono presentati da ADI Sicilia a Palermo a Palazzo Branciforte, uno degli ultimi progetti firmati da Gae Aulenti. L’evento, che ha il patrocinio di Fondazione Sicilia e di Civita Sicilia, si inserisce nel programma di I-design: un progetto selezionato dallo stesso Index 2015, dedicato alle varie forme del design e giunto ormai alla sua quarta edizione. Dal 10 al 18 ottobre l'iniziativa trasforma alcuni luoghi di Palermo in palcoscenici per accogliere mostre, conferenze, seminari e laboratori interamente dedicati al design. Oltre ai designer e alle aziende candidate interverranno Gianni Di Matteo, presidente di ADI Sicilia; Daniela Brignone, curatrice di I-Design; Vincenzo Castellana, del Dipartimento Generale ADI; Cinzia Ferrara, vicepresidente nazionale di AIAP, Associazione Italiana design della comunicazione visiva; Umberto La Commare, delegato del Rettore dell'Università di Palermo per le attività di incubazione d’impresa e presidente del Consorzio ARCA; Viviana Trapani, coordinatrice del Corso di laurea in Disegno Industriale della stessa università; Tito D’Emilio, Compasso d’Oro alla carriera; Fausto Gristina, architetto, e Pico Di Trapani, attivista dell’Associazione Comitato Addiopizzo. Proprio sabato 17 ottobre, nella splendida cornice della sala conferenze progettata da Gae Aulenti a Palazzo Branciforte, il Presidente di ADI Sicilia Gianni Di Matteo , sono stai presentati i progetti vincitori del Premio ADI Index che saranno Candidati al Famosissimo “Compasso D’Oro” nell’ Edizione 2016.

Irene Savasta