Cronaca Ragusa 26/10/2015 09:52 Notizia letta: 2831 volte

Rapina al negozio di telefonini: carabinieri arrestano pregiudicato

Alle Masserie
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/26-10-2015/1445849577-0-rapina-al-negozio-di-telefonini-carabinieri-arrestano-pregiudicato.jpg&size=352x500c0

Ragusa - I carabinieri dell’aliquota radiomobile della compagnia di Ragusa hanno arrestato un pregiudicato poiché aveva rapinato l’addetto alle vendite di un negozio di telefonia all’interno del noto centro commerciale di via Achille Grandi.
Ieri pomeriggio, intorno alle cinque, un uomo sui trent’anni è entrato in un negozio di telefonia per chiedere lumi sulle tariffe in vigore. All’atto di ringraziare e congedarsi, forse pensando di non essere visto, ha sottratto il telefonino al commesso che l’aveva poggiato sul banco. Il derubato però se n’è accorto e istintivamente con uno scatto ha raggiunto e bloccato il ladro che era già fuori dal negozio.
Quest’ultimo, però, s’è divincolato con forza strattonando e spingendo la vittima che – pur non avendo fortunatamente riportato ferite – s’è sbilanciato quasi rovinando a terra. Il ladro, diventato ormai a questo punto rapinatore, per aver usato violenza per garantirsi la fuga, è corso via scomparendo nel nulla.
L’addetto alle vendite ha quindi desistito per non lasciare il negozio sguarnito (che sarebbe divenuto quindi facile preda di un eventuale altro ladro) ma ha prontamente chiamato il 112 fornendo un’accurata descrizione del rapinatore: dettagli del volto, dei capelli, berrettino, felpa e pantaloni.
Immediatamente una pattuglia radiomobile è andata al centro commerciale e ha iniziato a cercare il fuggitivo nei paraggi. Pensando che lo stesso potesse essere andato a via Zama a prendere l’autobus, sono andati al capolinea e già da lontano hanno notato un soggetto perfettamente corrispondente alla descrizione. Celermente gli sono piombati addosso e lo hanno bloccato senza consentirgli alcuna possibilità di fuga. Perquisito seduta stante, i carabinieri gli hanno trovato addosso un telefonino con la cover identica a quella descritta dalla vittima. Ammanettato e caricato nell’auto è stato portato in caserma. Qui il commesso, che era presente per stilare il verbale di denuncia, lo ha riconosciuto senza ombra di dubbio.
L’uomo, che era privo di documenti d’identità, è stato sottoposto a rilievi foto-dattiloscopici e identificato in Aiman Jelloul, 32enne marocchino residente da molti anni a Ragusa, già pregiudicato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. È stato quindi arrestato per rapina e, d’intesa col pubblico ministero, dott.ssa Alessia La Placa, è stato rinchiuso nel carcere di contrada pendente a Ragusa a disposizione dell’autorità giudiziaria.
Un altro caso chiuso brillantemente grazie alla fattiva collaborazione del cittadino, in questo caso vittima, che ha saputo registrare nella mente i dettagli importanti per riconoscere l’autore del reato.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg