Lettere in redazione Modica 30/10/2015 13:32 Notizia letta: 1915 volte

Rifiuti, Lattuca replica alla ditta Puccia

Riceviamo e pubblichiamo
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/30-10-2015/1446197614-0-rifiuti-lattuca-replica-alla-ditta-puccia.jpg&size=515x500c0

Modica - Ancora una volta, l’impresa Puccia Giorgio, tira in ballo il nome della FP CGIL di Ragusa e del sottoscritto in ordine alle dichiarazioni rilasciate in merito al mancato pagamento degli stipendi, riservando tutte le azioni penali e civili al riguardo.
La Ditta Puccia, invece di occuparsi insistentemente dello scrivente e di fare proclami nei giornali con titoli roboanti del tipo “LA PUCCIA PAGA IL MESE DI AGOSTO AI 102 NETTURBINI”, si preoccupi realmente a risolvere i problemi dei suoi dipendenti, il primo dei quali è di saldare anche gli emolumenti del mese di settembre 2015.
Alla scrivente O.S., non interessano le vicissitudini che l’impresa ha con il comune; del corrispettivo troppo basso o quant’altro.
Il nostro esclusivo interesse è soprattutto quello che a tutti gli operatori ecologici di Modica gli vengano riconosciuti tutti i loro diritti, ivi compreso quello della retribuzione da lavoro (a prescindere se il comune paga o non paga l’impresa), in quanto obbligo di legge disciplinato dall’art. 36 della Costituzione e dell’art. 2099 del Codice Civile.
La norma impone al datore di lavoro di rispettare i vincoli contrattuali, compresa la data di erogazione dello stipendio (in questo caso di erogarlo entro e non oltre il 15 di ogni mese), imposti per legge o dai CCNL a livello nazionale o locale (anche in questo caso l’impresa ha l’obbligo di anticipare le 3 mensilità come da capitolato).
È opportuno che si sappia che il mancato versamento della retribuzione è uno dei più gravi inadempimenti degli obblighi che gravano su un datore di lavoro.
Pertanto, i lavoratori dipendenti del debitore (in questo caso la ditta Puccia), rappresentati dai suoi legali, non solo continueranno a presentare mese per mese i decreti ingiuntivi, ma sono anche disposti a presentare e depositare presso la Cancelleria del tribunale di Ragusa, l’ istanza fallimentare dell’impresa.
Infine, altra nota dolente è quella relativa all’attacco sferrato al Sindaco di Modica da parte della Ditta Puccia.
Rileviamo che rispetto alla precedente Amministrazione Comunale, questo sindaco si è sempre contraddistinto e si è fatto in quattro per far fronte ai pagamenti delle fatture (vedasi tutte le somme erogate nell’anno 2014-15).

Giovanni Lattuca