Attualità Ragusa 10/11/2015 09:58 Notizia letta: 2808 volte

Katia, da Ragusa a New York per insegnare l'italiano

Scambio di culture
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/10-11-2015/1447145962-0-katia-da-ragusa-a-new-york-per-insegnare-l-italiano.jpg&size=781x500c0

Ragusa - Imparare una lingua attraverso l’arte, la cultura, la cucina, il vivere la quotidianità. Il sogno di un centro dove tutto questo fosse possibile, da più di dieci anni è una realtà consolidata a New York. Katia  viene da una famiglia di artisti. Globetrotter per passione e vocazione, nel 2002, dopo la laurea in lingue all’Università di Catania, si trasferisce a New York dove studia Marketing alla Fordham University. Una vita a collezionare viaggi, esperienze all’estero e l’amore per l’arte e per la pittura. Poi, l’idea di aprire un centro culturale per diffondere la lingua e la cultura italiane, accogliere i bambini e le famiglie, portarli in Italia, farli sentire a casa.
Nel 2004, nasce Centro Raccontami oggi nella nuova sede di Chelsea. Non un centro linguistico, ma un centro culturale che insegna l’italianità, il modo di essere italiano, imparando ad apprezzare e conoscere la nostra cultura, il nostro cibo.
Katia, si sente cittadina del mondo, ma è molto legata alla sua Sicilia dove ritorna ogni anno insieme al marito (siciliano anche lui) e dove porta in viaggio alcune delle famiglie che decidono di conoscere l’Italia. Ha deciso di vivere a New York perché in questa città ha scoperto una parte bellissima della sua personalità, che meglio si esprimeva proprio nella Grande Mela.

"Lavoriamo con i bambini utilizzando il Reggio Approach, il rapporto e il coinvolgimento delle famiglie è fondamentale. L’apprendimento della lingua avviene attraverso l’esplorazione, l’osservazione, la curiosità, l’ambiente, l’arte, gli incontri al museo, i corsi di cucina. Noi offriamo continuità didattica, seguiamo i nostri studenti. Siamo un pezzo d’Italia nel cuore di Manhattan. Ricreiamo l’ambiente familiare, e se vogliono, gli studenti e le famiglie hanno la possibilità di venire con noi in Italia". 

La Voce di New York
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg