Economia Modica 15/11/2015 22:32 Notizia letta: 5380 volte

Venduto all'asta il Consorzio Agrario. Appartamenti in arrivo

L’aggiudicazione è di 565 mila euro più Iva
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/15-11-2015/1447623248-0-venduto-all-asta-il-consorzio-agrario-appartamenti-in-arrivo.png&size=1033x500c0

Modica - Là dove c’era il Consorzio, ci sarà…
C’era una volta il Consorzio Agrario. Alla fine degli anni ’60 fu tra i primi insediamenti produttivi e commerciali al quartiere Sorda a Modica. Finito all’asta, celebrata qualche giorno fa, ha avuto 7 pretendenti all’acquisto, un solo vincitore. Ufficialmente è un avvocato modicano, per i “boatos” un intermediario di un noto gruppo imprenditoriale locale con interessi nel settore petrolifero. Appetito il bottino, attesa la posizione nevralgica dell’immobile nel tessuto urbanistico della Città e la possibilità di potere tirare su un edificio di almeno 3 piani, con residenze e spazi commerciali di 1600mq. L’aggiudicazione è di 565.000,00 euro più iva e spese di acquisto. Il prezzo fissato dalla base d’asta era di 235.000,00 euro più iva.
Il Consorzio agrario interprovinciale di Ragusa e Siracusa era finito in liquidazione coatta amministrativa. La sua storia si lega alla vocazione agricola dellà Città negli anni ’60. Un'organizzazione di agricoltori, costituiti in forma di società cooperativa su base provinciale o interprovinciale, per la fornitura di beni o servizi utili per l'attività imprenditoriale agricola o per la commercializzazione delle loro produzioni. Con il governo di Romano Prodi, nel 2006, i consorzi agrari persero le loro residue competenze pubblicistiche cercando di diventare organismi per la commercializzazione dei prodotti agricoli ma, in breve, molti di essi si trovarono in situazione di pesante indebitamento. La Federconsorzi che si era assunto il compito di "volano finanziario" fu trascinata in questo vortice di indebitamento verso il sistema bancario. Da qui l’avvio della liquidazione coatta amministrativa.

Gabriele Giannone