Lettere in redazione Scicli 15/11/2015 15:51 Notizia letta: 3316 volte

Secondo Circolo, ancora doppi turni

Riceviamo e pubblichiamo
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/15-11-2015/1447599143-0-secondo-circolo-ancora-doppi-turni.png&size=760x500c0

Scicli - Salve a tutti,
siamo ancora una volta i genitori degli “alunni dei doppi turni“ della scuola elementare “E. Vittorini“ di Scicli, plesso Cataudella. Se dopo un mese di scuola eravamo stanchi di questa situazione, adesso siamo disillusi, amareggiati e disperati.
Ci eravamo illusi un mese fa, quando sembrava che il comune di Scicli avesse accolto il nostro appello e si fosse adoperato per accelerare i tempi e concludere i lavori al fine di poter rientrare nella sede di San Nicolò. Qualcosa è stato avviato, ma ancora una volta i tempi non sono BREVI come era stato dichiarato (sempre in maniera molto vaga).
La cosa che ci fa più amareggiare è che fin dall’inizio c’è stata una totale mancanza di trasparenza e informazione, inizialmente da parte della Dirigenza scolastica e successivamente anche da parte del comune di Scicli. Questa mancanza di comunicazione rende molto difficile la vita delle famiglie (circa 450) che si devono organizzare per fronteggiare ogni giorno questa situazione anomala e non sanno fino a quando si protrarrà.
In particolar modo si dimostra un totale disinteresse al disagio che stanno vivendo i bambini, che in tutto questo sono assolutamente la parte lesa. Inutile ripetere che i loro ritmi di vita sono completamente stravolti, che hanno abbandonato la loro vita sociale pomeridiana, che escono da scuola al buio e lavorano male e meno dei loro coetanei… pare che tutto ciò non interessi a nessuno.
Alla luce di ciò stiamo valutando la possibilità di chiedere un risarcimento danni, ma prima di tutto ci preme risolvere il problema più grave: DARE LA POSSIBILITA’ AI NOSTRI FIGLI DI FREQUENTARE REGOLARMENTE LA SCUOLA DI MATTINA; credeteci i bambini non ne possono più e nemmeno noi. Forse abbiamo sbagliato a comportarci civilmente, evitando di creare problemi ad eventuali responsabili; IL NOSTRO E’ DIVENTATO UN PAESE INCIVILE, AVREMMO DOVUTO ADEGUARCI….

Sofia Pagano