Cronaca Santa Croce Camerina 17/11/2015 19:18 Notizia letta: 6948 volte

Veronica: Loris morto mentre giocava, poi l'ho portato nel canalone. VIDEO

Clamorosa ritrattazione
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/17-11-2015/1447784382-0-veronica-loris-morto-mentre-giocava-poi-l-ho-portato-nel-canalone.jpg&size=801x500c0

Santa Croce Camerina - Nuova ritrattazione, stavolta Veronica sembra vicina alla capitolazione e alla confessione. 

Lorys Stival sarebbe morto mentre giocava con delle fascette elettriche. È l’ultima versione della madre del piccolo a investigatori e magistrati di Ragusa. Per Veronica Panarello sarebbe stato dunque un incidente a causare la morte del bambino di otto anni. Dopo avere fatto di tutto per salvare Lorys, strangolatosi con una fascetta a casa -secondo l’ultima ricostruzione della donna - presa dal panico avrebbe preso il corpo del bambino per poi adagiarlo nel canalone di Mulino Vecchio. Nessuno le avrebbe creduto e non sapendo come giustificarsi avrebbe deciso di liberarsi del corpo del figlio. Questa la spiegazione. Avrebbe poi gettato lo zaino del bambino sulla strada verso Donnafugata. La donna ha ribadito di «non avere ucciso Lorys» e di avere agito da sola. Le nuove rivelazioni dopo i sopralluoghi a Santa Croce Camerina e nella strada per il Castello di Donnafugata. Veronica Panarello è stata infatti portata da polizia e carabinieri negli uffici della Procura di Ragusa. Qui è stata sentita dal procuratore Carmelo Petralia e dal sostituto Marco Rota.

Gli indizi contro Veronica

 

Gli spostamenti dell'indagata, accertati tramite le videoriprese delle telecamere pubbliche e private, smentiscono la sua versione dei fatti.

Il bambino quel giorno non è mai arrivato a scuola, nonostante la Panarello abbia continuato ad affermare di averlo personalmente accompagnato, salvo poi ritrattare.

Veronica Panarello, tra le 9,25 e le 9,36 di quella mattina, si trovava in una zona vicina a quella in cui è stato trovato il cadavere. La donna ha detto - successivamente - che doveva buttare l'immondizia, ma allora perché percorrere una strada opposta a quella per Donnafugata, luogo in cui si doveva recare?

Le fascette. Poiché sono state ritrovate in casa, la donna ha sempre sostenuto che erano state portate a scuola dal figlio, ma le insegnanti hano sempre smentito.

Perché Veronica non ha contattato il marito una volta resasi conto della scomparsa del figlio?

Il videoreportage di Gabriele Giannone: 

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg