Appuntamenti Santa Croce Camerina 25/12/2015 22:44 Notizia letta: 1960 volte

Festa dell'integrazione, a Natale

Il 27 dicembre
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/25-12-2015/festa-dell-integrazione-a-natale-500.jpg
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/25-12-2015/1451080100-1-festa-dell-integrazione-a-natale.jpg&size=751x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/25-12-2015/1451080100-2-festa-dell-integrazione-a-natale.jpg&size=667x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/25-12-2015/festa-dell-integrazione-a-natale-100.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/25-12-2015/1451080100-1-festa-dell-integrazione-a-natale.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/25-12-2015/1451080100-2-festa-dell-integrazione-a-natale.jpg

Santa Croce Camerina - Milaud Mubarak, Gezuar Krishlinde, Cracium Felicit, Sing Dan Fiy Loc…sono rispettivamente parole arabe, albanesi, rumene e cinesi per dire la stessa cosa: buon Natale. A Santa Croce Camerina, domenica 27 dicembre in piazza Vittorio Emanuele a partire dalle 17.30 si terrà una festa di pace, solidarietà e benessere organizzata dal Comune, dalla Caritas e dai rappresentanti delle varie comunità straniere presenti sul territorio con degustazione di dolci e piatti tipici delle varie etnie. Una festa dell’integrazione e della tolleranza per portare in piazza un messaggio: non bisogna avere paura degli stranieri. Karim Boufermes, responsabile dello sportello immigrazione INAC, infatti, spiega: “Quest’anno il Natale cristiano cade lo stesso giorno della nascita di Maometto. Abbiamo voluto organizzare questa festa perché vogliamo approfondire con la gente un fenomeno che riguarda moltissimi stranieri. Sono stati rigettati almeno 1500 permessi di soggiorno dalla Questura perché, senza preavviso, ci hanno chiesto di dimostrare di avere almeno 5700 euro di reddito l’anno. Dal 2002 ad oggi non c’è mai stato richiesto questo requisito. Vogliamo chiedere una proroga di sei mesi affinché ci venga concesso il tempo per metterci in regola perché fra quelle persone ci sono stranieri che lavorano in Italia da più di dieci anni”. I rappresentanti delle comunità straniere, dunque, chiedono di potersi mettere in pari con quello che è previsto nella legge Bossi-Fini: un appello alla tolleranza per sei mesi, dunque, per dimostrare di saper sistemare il problema.

Irene Savasta