Cronaca Vittoria 30/12/2015 09:43 Notizia letta: 1876 volte

Sequestrati giochi pericolosi

Dalla Finanza
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/30-12-2015/1451465156-0-sequestrati-giochi-pericolosi.jpg&size=747x500c0

Vittoria - Continua senza sosta l’impegno dei finanzieri del Comando Provinciale di Ragusa che, nell’ambito dei servizi finalizzati alla prevenzione e repressione delle violazioni in materia sicurezza prodotti, hanno sequestrato oltre 40.500 prodotti, fra giocattoli e materiale elettrico, non conformi ai requisiti disposti dalla Comunità Europea per un valore complessivo di circa 55.000 euro.

In particolare, le Fiamme Gialle del Nucleo di Polizia Tributaria di Ragusa, al termine di accurati accertamenti presso un esercizio commerciale di Vittoria specializzato nel settore, hanno sequestrato oltre 37.100 confezioni di materiale elettrico e 3.401 giocattoli privi del marchio “CE” e delle indicazioni di provenienza, nonché delle caratteristiche informative minime per i consumatori.

Il materiale elettrico è stato sottoposto a sequestro penale e il titolare dell’esercizio commerciale è stato deferito alla locale Procura della Repubblica; per quanto riguarda i giocattoli, gli stessi sono stati sottoposti a sequestro amministrativo e il proprietario è stato segnalato alla Camera di Commercio di Ragusa per violazioni al D.Lgs. 54/2011, e sarà soggetto alla sanzione pecuniaria che va da 1.500 a 10.000 euro.

È questo il bilancio dell’operazione delle Fiamme Gialle Iblee nel quadro della costante attività di prevenzione e repressione del fenomeno della contraffazione, che danneggia il mercato sottraendo opportunità e lavoro alle imprese in regola e mette in pericolo la salute dei consumatori.

L’operazione portata a termine, testimonia quanto sia alta l’attenzione della Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Ragusa nel controllo economico del territorio e nel monitoraggio delle attività economiche che presentano profili di rischio, per la tutela dei consumatori e delle imprese che rispettano le regole del mercato.

Redazione