Appuntamenti Chiaramonte Gulfi 11/01/2016 19:48 Notizia letta: 3042 volte

Giorgio Distefano espone a Praga

Segni abusivi
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/11-01-2016/1452538129-0-giorgio-distefano-espone-a-praga.jpg&size=354x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/11-01-2016/1452538344-1-giorgio-distefano-espone-a-praga.jpg&size=939x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/11-01-2016/1452538129-0-giorgio-distefano-espone-a-praga.jpg&size=354x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/11-01-2016/1452538344-1-giorgio-distefano-espone-a-praga.jpg

Chiaramonte Gulfi - Giorgio Distefano espone a Praga. L'artista chiaramontano trasferitosi ormai da anni a Firenze, reduce da una mostra collettiva a Scicli, approda in Repubblica Ceca con l'opera A-Tapestry. L'Art Prize CBM di Praga è frutto di una selezione di opere dei finalisti del Premio Biennale Carlo Bonato Minella che si è svolto a Ottobre a Rivarolo Canavese (Torino) e che ha visto la partecipazione di 42 artisti internazionali selezionati su quasi 1400 candidature da tutto il mondo. Il premio, in collaborazione con due prestigiose gallerie, una londinese e una praghese, prosegue nella prestigiosa sede della Galleria At Salon S, all'interno della Casa Danzante di Praga, a cura di Barbora Mastrlovà. L'inaugurazione e' prevista per venerdì 15 gennaio alle ore 18.00. Giorgio Distefano spiega il significato della sua opera: "L’opera A-tapestry nasce da una serie di studi sul paesaggio e sulla relazione tra immagine stereotipa-oleografica legata a rappresentazioni idealizzate e, dall’altra parte, la contaminazione di elementi perturbanti, di “abuso”, nel contesto stesso del quadro della visione, che finiscono per essere assimilati, creando ulteriori piani di lettura e giochi di contrasto nei quali si può percepire un dentro - il contesto reale o bucolico preesistente - e un fuori - il segno “ abusivo”, ancorato talvolta a stilemi/simboli del contemporaneo - che finisce per essere inglobato ed estetizzato a sua volta. In questo caso, le costruzioni abusive di un anonimo litorale e la nave naufragata nello spazio arcadico del porto di settecentesca memoria, così come espresso dalla tessitura dell’arazzo, si fondono in una dimensione sospesa di irrealtà, sogno ed estetizzata denuncia sociale".

Irene Savasta