Cronaca Ragusa 21/01/2016 11:35 Notizia letta: 4290 volte

Lei lo lascia, e lui va a rubare a casa di lei

Amor infinito
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/21-01-2016/1453372583-0-lei-lo-lascia-e-lui-va-a-rubare-a-casa-di-lei.jpg&size=357x500c0

Ragusa - È stato arrestato Alessio Solarino, 30 anni, già noto alle forze dell'ordine per reati di spaccio ed evasione dai domiciliari. L'uomo ha evaso i domiciliari per rubare nell'appartamento della ex compagna. Durante la mattinata, approfittando del fatto che era ancora in possesso delle chiavi dell’abitazione della donna, ha deciso di tornarci per compiere un furto. Essendo ancora agli arresti domiciliari a casa di suo padre, prima di uscire ha avvisato i Carabinieri sul numero di emergenza comunicando che si stava recando in Ospedale, al Pronto Soccorso, per giustificare la sua assenza dal domicilio nel caso di un controllo. I carabinieri, insospettiti, hanno deciso di svolgere accertamenti e poco dopo hanno scoperto che l'uomo non si era affatto recato al Pronto Soccorso come aveva comunicato alla Centrale Operativa del Comando Provinciale e non era neanche a casa del padre. I sospetti dei militari sono diventate certezze quando proprio la ex – convivente del SOLARINO si è presentata in Caserma per denunciare un furto nella sua abitazione, da cui era sparita una somma di denaro contante pari a € 150. A questo punto i Carabinieri si sono messi alla ricerca del Solarino, che è' stato rintracciato in strada poco dopo e trovato ancora in possesso del denaro che aveva sottratto dall’abitazione dell’ex – compagna a cui veniva subito restituito. Solarino e' stato arresato per i reati di evasione, per essersi arbitrariamente allontanato dall’abitazione dove era sottoposto agli arresti domiciliari e per furto in abitazione, e per lui questa volta si sono spalancate le porte del carcere di Ragusa dove, dopo le formalità di rito, e' stato associato su disposizione del Sostituto Procuratore della Repubblica di Ragusa, dott.ssa Monica Monego.

Irene Savasta