Cronaca Modica 23/01/2016 15:19 Notizia letta: 3339 volte

Furto in concessionaria, arrestato

Un rumeno
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/23-01-2016/1453558798-0-furto-in-concessionaria-arrestato.jpg&size=417x500c0

Modica - La scorsa notte, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Modica, nel corso di un predisposto servizio di contrasto ai reati predatori, hanno arrestato Vasilica Caldararu, classe ’87, di nazionalità romena, pregiudicato.

Infatti, nel corso del servizio, una pattuglia del Nucleo Radiomobile di Modica ha notato un veicolo sospetto fermo nei pressi di un concessionario di auto nella zona artigianale.
Effettivamente, non appena i militari dell’Arma hanno acceso i lampeggianti per procedere al controllo del mezzo, il conducente di quest’ultimo ha avviato il motore ed è partito a tutto gas.
A questo punto, i Carabinieri hanno azionato le sirene e si sono messi all’inseguimento dell’autovettura in fuga. Dopo uno spettacolare inseguimento, il veicolo sospetto ha perso il controllo della strada andando a sbattere contro un albero ed il conducente ha proseguito la fuga a piedi.
Tuttavia, i militari hanno continuato a tallonare il malvivente e, poco dopo, lo hanno raggiunto ed immobilizzato.
Gli accertamenti successivi hanno fatto emergere che il soggetto fermato, poco prima, aveva asportato l’autovettura, una Alfa Romeo 159, da una concessionaria.
Effettivamente, dal sopralluogo, i Carabinieri hanno accertato che lo straniero, verosimilmente con altri complici, dopo averne forzato una porta, si era introdotto negli uffici dell’autosalone ed aveva trafugato le chiavi di diversi veicoli, alcuni autoricambi e due autovetture.
All’interno del veicolo rubato, i Carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato alcuni arnesi da scasso, tra cui un piede di porco ed un cacciavite, nonché dei guanti e degli indumenti per travisare il volto.
L’autovettura è stata dunque recuperata dai militari dell’Arma e restituita al legittimo proprietario.
Al termine delle formalità di rito, l’arrestato, su disposizione del sostituto Procuratore di turno, d.ssa Monica Monego, è stato condotto presso la Casa Circondariale di Ragusa.
Intanto, i Carabinieri stanno proseguendo le indagini per identificare i complici dell’arrestato che si sarebbero dileguati a bordo di una seconda autovettura asportata nello stesso autosalone, infatti, sul posto sono intervenuti i militari del Nucleo Operativo per effettuare i rilievi di eventuali impronte o tracce lasciate dai responsabili.