Cronaca Pozzallo 26/01/2016 13:16 Notizia letta: 9118 volte

Prende a colpi di pentola la moglie, arrestato

Giovanni Marchisello
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/26-01-2016/1453817733-0-prende-a-colpi-di-pentola-la-moglie-arrestato.jpg&size=417x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/26-01-2016/1453817733-1-prende-a-colpi-di-pentola-la-moglie-arrestato.jpg&size=667x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/26-01-2016/1453817733-0-prende-a-colpi-di-pentola-la-moglie-arrestato.jpg&size=417x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/26-01-2016/1453817733-1-prende-a-colpi-di-pentola-la-moglie-arrestato.jpg

Pozzallo - Aggredisce la moglie a colpi di pentola e la lascia distesa in un lago di sangue. E’ stato arrestato Giovanni Marchisello, 50 anni, originario della provincia di Siracusa. E’ successo ieri sera a Pozzallo. I Carabinieri sono intervenuti in un’abitazione in quanto era stata segnalata una violenta lite tra marito e moglie. Sul posto, i militari hanno trovato la donna distesa in camera da letto ricoperta di sangue, con profonde ferite alla testa, al volto e al torace. Sul posto, è intervenuta anche l’ambulanza e il 118 e la donna è stata trasportata all’ospedale Maggiore di Modica. E’ stato appurato che dopo una lite fra i due coniugi, scaturita a causa di motivi legati alla separazione, l’uomo ha prima colpito la moglie con una pentola d’acciaio e poi ha continuato a colpirla al torace con il manico spezzato della pentola, utilizzandolo come se fosse un’arma. Marchisello, dopo il gesto, si è presentato in caserma accompagnato dal proprio legale di fiducia ed ha ammesso le proprie responsabilità e perciò è stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio della moglie. La donna, 43 anni, originaria di Catania, è stata ricoverata in chirurgia con una prognosi di 30 giorni per trauma cranico con ferite profonde, trauma toracico-addominale e frattura di un dito della mano destra. L’uomo è stato portato presso la casa circondariale di Ragusa così come disposto dal sostituto procuratore Monica Monego.

Irene Savasta