Economia Modica 31/01/2016 22:11 Notizia letta: 4063 volte

Cioccolato, la scivolata di Scivoletto

La svendita della pasta di cacao modicana
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/31-01-2016/cioccolato-la-scivolata-di-scivoletto-500.jpg

Modica - Non le mandano a dire i 12 produttori del documento pubblicato ieri da Ragusanews. 

Il Ministero delle Politiche Agricole ha escluso "il Consorzio di tutela del Cioccolato di Modica dall’elenco di quelli incaricati dal Ministero ai sensi dell’articolo 14 della legge 526/99, aggiornato al gennaio 2016".

"Sotto accusa è la strategia complessiva del Consorzio di tutela del Cioccolato negli ultimi tempi, ritenuta a dir poco disastrosa".

Il nome e il cognome cui si riferiscono i firmatari è quello del presidente del Consorzio, Nino Scivoletto. 

Ma cosa imputano a Scivoletto i firmatari del documento?

I rappresentanti di Antica Dolceria Bonajuto, Casa don Puglisi, CioKarrua, Ciomod, Cosaruci, Delizie d'autore, Dolceria primavera, Il Modicano, L'arte del Cio.to.ca., Quetzal, Sfizi golosi e Spinnagghi accusano Scivoletto di aver presentato, "in occasione del ChocoModica 2015,  un kit “fai da te” per preparare in casa il cioccolato di Modica: un incredibile autogol per un organismo preposto alla tutela contro sofisticazioni, imitazioni e produzioni contraffatte. Anche sul fronte del riconoscimento IGP tutto tace. Sulla certificazione europea non si registrano significativi passi in avanti. Si ritiene dunque che la strada imboccata dal Consorzio per tutelare e promuovere il Cioccolato di Modica sia sbagliata. Bisogna puntare piuttosto, come alcune aziende hanno già fatto, sulla innovazione di prodotto (es. cioccolato biologico), sull'innalzamento della qualità, sul marketing e sull'immagine. Questa la vera politica di valorizzazione.

Le dodici aziende produttrici chiedono a gran voce alle istituzioni, al Consorzio e alla Camera di Commercio un risveglio di responsabilità collettiva, un cambio di passo nelle politiche di tutela e commercializzazione della barretta modicana e, sopratutto, una maggiore e più attenta concertazione nella definizione degli obiettivi condivisi".
 

Redazione