Economia Sanremo 12/02/2016 13:06 Notizia letta: 6967 volte

Sanremo, Carlo Conti: il mio salame? E' chiaramontano

Ed è d'asino
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/12-02-2016/sanremo-carlo-conti-il-mio-salame-e--chiaramontano-500.jpg
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/12-02-2016/1455279104-1-sanremo-carlo-conti-il-mio-salame-e--chiaramontano.jpg&size=281x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/12-02-2016/sanremo-carlo-conti-il-mio-salame-e--chiaramontano-100.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/12-02-2016/1455279104-1-sanremo-carlo-conti-il-mio-salame-e--chiaramontano.jpg

Sanremo - Salumi iblei a Casa Sanremo. E Carlo Conti ha apprezzato. “Il Chiaramontano”, nota azienda di proprietà di Massimo Castro, nata a Chiaramonte e oggi diventata un’industria artigianale che si trova a Ragusa, ha conquistato il palato del presentatore di Sanremo. Ieri, a partire dalle 13, il banchetto a base di prodotti tipici siciliani, offerto alla sala stampa e agli addetti ai lavori, è stato particolarmente apprezzato anche da Conti. Massimo Castro, racconta: “Sono stato selezionato dalla “Si e Si Italia”, un’azienda catanese e insieme ad altri produttori siciliani ho partecipato a questa bellissima esperienza. Sono stato l’unico a portare i salumi. La cosa davvero sorprendente è stato l’arrivo di Carlo Conti”. Massimo Castro, infatti, produce salumi dal 1998 e la sua azienda, che oggi si trova a Ragusa, può essere definita un’industria artigianale in quanto tutti i salumi vengono lavorati a mano. Castro, racconta la giornata sanremese: “Carlo Conti è entrato nella zona food, cosa che per quanto mi hanno detto non era mai accaduto che un presentatore del festival entrasse lì. Non so se sia arrivato per caso o perché gli avevano parlato del fatto che ieri era la giornata dei prodotti siciliani. Sta di fatto che ha degustato anche i salumi che avevo portato: salame d’asino, mortadella d’asino, salame al pistacchio e al suino nero siciliano. Ha talmente apprezzato che mi ha chiesto di spedirgli i salumi e non l’ha detto tanto per dire: ha preso il mio biglietto da visita, l’ha dato al suo assistente e poi mi ha cercato per fare una foto insieme. Mi ha detto: “Guarda che ci tengo”. Un cameriere gli ha proposto dei gamberi e lui gli ha detto che non gli andavano, voleva continuare a gustare i salami”.

Irene Savasta