Attualità Modica

Lo studio Pluchino fa un piano alternativo di viabilità

Il progetto
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/27-02-2016/1456575725-1-lo-studio-pluchino-fa-un-piano-alternativo-di-viabilita.jpg&size=707x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/27-02-2016/1456575725-2-lo-studio-pluchino-fa-un-piano-alternativo-di-viabilita.jpg&size=667x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/27-02-2016/1456575725-3-lo-studio-pluchino-fa-un-piano-alternativo-di-viabilita.jpg&size=750x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/27-02-2016/1456575725-4-lo-studio-pluchino-fa-un-piano-alternativo-di-viabilita.jpg&size=667x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/27-02-2016/1456575725-5-lo-studio-pluchino-fa-un-piano-alternativo-di-viabilita.jpg&size=888x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/27-02-2016/lo-studio-pluchino-fa-un-piano-alternativo-di-viabilita-100.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/27-02-2016/1456575725-1-lo-studio-pluchino-fa-un-piano-alternativo-di-viabilita.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/27-02-2016/1456575725-2-lo-studio-pluchino-fa-un-piano-alternativo-di-viabilita.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/27-02-2016/1456575725-3-lo-studio-pluchino-fa-un-piano-alternativo-di-viabilita.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/27-02-2016/1456575725-4-lo-studio-pluchino-fa-un-piano-alternativo-di-viabilita.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/27-02-2016/1456575725-5-lo-studio-pluchino-fa-un-piano-alternativo-di-viabilita.jpg

Modica - Da un'idea dello Studio Pluchino nasce la città del futuro. Più accessibile, più sicura, più rispettosa dell'ambiente. L'ingegnere Vincenzo Pluchino, titolare dell'omonimo studio di Via Sant'Agostino 3, ha progettato un'avveniristica infrastruttura in grado di decongestionare il centro storico di Modica dal traffico automobilistico e renderlo al contempo più sicuro e vivibile. Nel pieno rispetto dei vincoli urbanistici.

Si tratta di un cavalcavia adiacente all'attuale Via Nazionale, con una rampa di accesso situata nell'intersezione con Via Tirella, che consentirebbe di smistare il traffico in entrata e in uscita dal Centro storico, eliminando l'incrocio tra le due vie che costituisce oggi un punto critico per gli automobilisti.

Nell'idea progettuale dalla rampa si diparte una campata che, descrivendo una semi-curva, si innesta nel tratto superiore di Via Nazionale. Sotto il cavalcavia, una rotatoria consentirebbe il deflusso dei veicoli da e per la Via Tirella. Prevista inoltre una razionalizzazione degli spazi adiacenti la Via Nazionale con scale di accesso pedonali, marciapiedi, parcheggi.

Tale soluzione "rivoluzionaria" migliorerebbe di molto la fluidità del traffico e i tempi di percorrenza, con grandi vantaggi per l'ambiente e i cittadini. Il progetto comprende la sistemazione e il recupero dell'area circostante, con interventi perfettamente integrati nel tessuto urbanistico preesistente. Tra gli altri, per esempio, la rampa d'accesso sostenuta da una struttura di piloni ad arco in calcestruzzo, rivestito in pietra calcare tipica locale che richiamano i portici che sono ricorrenti nel tessuto architettonico della città di Modica, che offrirebbero ampi spazi utilizzabili come parcheggi o per il transito dei pedoni.

«Un'opera prioritaria per decongestionare Modica - ha dichiarato il progettista, l'ingegnere Pluchino - e guardare così al futuro, allo sviluppo, mantenendo intatto il Centro storico e i vincoli urbanistici e al contempo eliminare il degrado attuale della zona. La nostra città ha bisogno di grandi opere infrastrutturali nel rispetto della sua storia, della sua urbanistica e della sua cultura».

Il progetto di massima, illustrato in anteprima lo scorso novembre al sindaco, alle autorità cittadine e ai rappresentanti degli operatori economici, ha riscosso unanimi consensi e forti apprezzamenti. L’Amministrazione Comunale dovrebbe ora valutare le concrete possibilità di tradurre l’idea progettuale in un progetto preliminare, attraverso un incarico fiduciario,  che consentirebbe di cogliere l’opportunità dei bandi Ue previsti dalla Programmazione 2014-2020 di imminente pubblicazione. 



http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif