Economia Ragusa

Versalis, la vendita con Polynt

Fondi di investimento privati

Ragusa - Eni venderà il 70% delle quote della storica azienda chimica del gruppo. E questo ormai si sa. Un affare da due miliardi di euro. Ma a chi? Indiscrezioni che già si susseguono dal 2015, vogliono che la chimica di Versalis venga venduta a un fondo finanziario che avrebbe mostrato interesse anche per Polynt, la multinazionale delle resine e delle plastiche che ha sede a Bergamo. Eni è in cerca di una joint venture per consolidare e valorizzare il business della chimica. Un socio a buon mercato che, per il tramite di un fondo comune d’investimento, spenderebbe appena due miliardi di euro per accaparrarsi il piatto industriale offerto dallo Stato. Versalis più Polynt, nascerebbe, così, una multinazionale finanziata da fondi d’investimento privati. Ancora indiscrezioni non confermate, certo, sul possibile acquisto di Polynt da parte di Sk Capital. E’ di queste ore, però, l’indiscrezione battuta dall’agenzia Reuters: tre aziende sarebbero interessate al gruppo bergamasco: Reichhold, i fondi americani SK Capital Partners e KPS Capital. Per ora, in testa sarebbe il gruppo chimico americano Reichhold per l’acquisto della Polynt: una parte della società, tra l’altro, è in mano ai privati di equity Investindustrial. SK Capital Partners, invece, sarebbe direttamente in trattativa con ENI per rilevare la quota di maggioranza di Versalis, così come KPS Capital, altro fondo americano specializzato in investimenti industriali. Sempre secondo l’agenzia di stampa, l’affare potrebbe concludersi entro la fine del mese, una volta cioè stabilito il prezzo di vendita. La Polynt, dunque, potrebbe, assieme a Versalis, essere acquistata da uno di questi tre colossi americani. Il giro d’affari dell’azienda bergamasca è di 1.3 miliardi di euro. Quello di Versalis supera i 10 miliardi. Un'affare per Sk Capital.

http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif