Scuola Ragusa

Scuola, accorpamenti, Marziano a Ragusanews: Indietro non si torna

Parla l'assessore regionale alla pubblica istruzione

Ragusa -  Il nuovo piano di dimensionamento della rete scolastica della Sicilia cambia la mappa delle scuole siciliane.
“Indietro non si torna”- è il commento dell’Assessore regionale alla Pubblica Istruzione Bruno Marziano rispetto al progetto di territorialità, anche in provincia di Ragusa, dal quale " non si può prescindere se si tiene conto di un obiettivo ovvero la formazione di poli professionali , così da garantire un’offerta formativa unica ed omogenea, uscendo anche dal regime di reggenza per avere un’istituzione scolastica presente nel territorio e rappresentata da un Dirigente Scolastico a tempo pieno” .
“Apriremo confronti istituzionali in ciascuna provincia - riferisce l'Assessore regionale-, quindi si passerà ai tavoli tecnici che andranno nella direzione della stabilità didattico-formativa. La logica- prosegue Marziano – sarà quella dell’accorpamento conforme alla omogeneità dell’offerta formativa.
Intanto sul fronte di interventi di edilizia scolastica l’Assessore Marziano ha annunciato un bando con plafond di 50 milioni rivolto ai comuni e alle ex Province per la presentazione di progetti di manutenzione, ristrutturazione, completamento delle scuole e per la costruzione di nuovi plessi in Sicilia, sulla base di quanto prevede la legge sulla 'Buona scuola'.

http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif