Economia Editoria 11/03/2016 10:53 Notizia letta: 1602 volte

Le vendite dei quotidiani in Sicilia

Tutti in difficoltà
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/11-03-2016/1457690091-0-le-vendite-dei-quotidiani-in-sicilia.jpg&size=1114x500c0

Come sta l’editoria italiana? Male. E quella siciliana? Anche peggio. Sono stati resi noti i dati Audipress, diffusi da Prima Comunicazione, di gennaio 2016 in merito alla diffusione e al numero di copie vendute di tutti i giornali italiani, sia in versione cartacea che in digitale. Ci sono alcune sorprese, come il recupero del Corriere della Sera e il tonfo de Il Tempo e Il Fatto Quotidiano, ma anche alcune conferme, come la continua perdita di terreno dei maggiori quotidiani regionali (e del Sud. Partiamo dalla Gazzetta del Mezzogiorno: a gennaio 2016 sono 22.535 le copie vendute, mentre a gennaio 2015 erano 24.828 (-9.2%). La Gazzetta del Sud: a gennaio 2016 aveva venduto 25.030 copie, mentre nel 2015 27.846 (-10.1%). Ma il giornale regionale che registra il maggior numero di perdite è La Sicilia: nel gennaio 2016 aveva venduto 18.978 copie, mentre nel 2015 ne aveva vendute 21.635, una perdita pari a -12,3%. Più o meno sullo stesso livello anche il Giornale di Sicilia: a gennaio 2016 vendeva 21.801 copie, mentre nel gennaio 2015 24.600 (-11.4%). Per quanto riguarda i maggiori quotidiani nazionali, Corriere Della Sera recupera rispetto all’anno scorso (+3.9%), insieme a Sole 24Ore (+1.8%). Più o meno si attestano sullo stesso numero di copie vendute i giornali sportivi. Male, invece, Il Tempo (-45.2%), Il Fatto Quotidiano (-39.6%) e Il Giornale (18.9%). Male anche Repubblica che, rispetto all’anno scorso, perde l’11.8%.

Irene Savasta