Attualità Ragusa 16/03/2016 19:21 Notizia letta: 1421 volte

Gambuzza: Facciamo il Dna all'olio d'oliva

Dopo l'accordo col NordAfrica
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/16-03-2016/1458152569-0-gambuzza-facciamo-il-dna-all-olio-d-oliva.jpg&size=985x500c0

Ragusa - “Nella guerra tra poveri gli unici ad arricchirsi saranno le multinazionali dell’olio”. Questo il telegrafico commento del presidente della Confagricoltura ragusana, Sandro Gambuzza sulla ratifica dell’accordo, avvenuta l'altro ieri a Bruxelles, che concede un quantitativo supplementare alla Tunisia per l’export di olio a dazio zero.
“Al di là della decisione – aggiunge il presidente degli imprenditori agricoli ragusani – la frittata era già stata fatta. Nei mesi scorsi è infatti bastato il solo annuncio di questa nuova concessione per far crollare il prezzo dell’olio extra vergine d’oliva di origine nazionale, che proprio quest’anno puntava ad un recupero rispetto alla scorsa campagna assolutamente deficitaria. Il crollo dei prezzi non ha poi risparmiato nessuna produzione, sono stati infatti trainati al ribasso anche le quotazioni del prodotto biologico. Un prodotto – aggiunge il presidente della Confagricoltura Sandro Gambuzza – che paradossalmente dovrebbe essere esente da questo tipo di concorrenza sia per le caratteristiche qualitative che organolettiche e salutistiche”.
E' chiaro adesso come il rischio che le sofisticazioni nel mercato dell’olio extravergine di oliva aumentino diventa sempre più probabile. “Da oggi diventa dunque indispensabile non solo un’attività di controllo più capillare, ma anche l’adozione di metodi di analisi complesse basate sul Dna del prodotto a completamento di quelle chimiche tradizionali“.
Le analisi condotte con tecnologie basate sul Dna consentono infatti di individuare la presenza di materie prime utilizzate per miscelare l’olio da olive con altri grassi vegetali di minor pregio adottando processi di rintracciabilità molecolare dato che il Dna è l’unica molecola in grado di caratterizzare specie e varietà diverse.
L’applicazione di analisi basate sul Dna tracking consente quindi di individuare la composizione genotipica dell’olio da olive: risultato che permette di verificare la veridicità di quanto dichiarato nell’etichetta sulla confezione e rilevare la presenza di sofisticazioni del prodotto.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg