Economia Vittoria 17/03/2016 18:10 Notizia letta: 3088 volte

La Gabbia: Agricoltura siciliana, condannata a morte

Un servizio su LA 7
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/17-03-2016/1458234663-0-la-gabbia-agricoltura-siciliana-condannata-a-morte.jpg&size=889x500c0

Vittoria - La protesta degli agricoltori siciliani che si è svolta a Vittoria pochi giorni fa arriva anche a “La Gabbia”, il programma di La7 condotto da Gianluigi Paragone.

Il servizio “L’Europa condanna a morte le arance italiane” è più che eloquente: gli agricoltori che hanno protestato a Vittoria sono allo stremo, i costi di produzione non vengono più coperti e i prodotti ortofrutticoli spesso restano a marcire sulle piante. “Veniamo pagati troppo poco, non copriamo nemmeno i costi di una giornata di lavoro”, urlano i proprietari d’azienda. Tutti ce l’hanno con l’Europa e la politica del dazio zero a favore di Paesi terzi, in primis Tunisia e Marocco: “Ci siamo venduti all’Europa e alle lobby”, protestano. Al porto di Palermo, uno sguardo sulla triste realtà.

Una nave in arrivo da Tunisi attracca e il servizio parla chiaro. Ogni anno, vengono importati 4 milioni di tonnellate di prodotti ortofrutticoli provenienti dal Maghreb, Spagna e Argentina, per un giro d’affari di 5 miliardi di euro l’anno. Poi, lungo la strada che collega Francofonte a Siracusa, uno scenario desolante: arance rimaste a marcire sugli alberi che cadono lungo la strada senza che nessuno le raccolga. Alcuni ettari di agrumeti sono stati bruciati. Confagricoltura Catania spiega bene la situazione: gli agrumi vengono pagati ai produttori appena 7 centesimi al chilo. Un prezzo che non riesce a coprire neanche i costi di produzione che si aggirano attorno ai 18 centesimi. Per questi motivi, un albero di arance su tre viene sradicato e bruciato. Migliaia e migliaia di ettari sono già andati perduti. Senza contare che in alcuni Paesi vengono utilizzati ancora dei pesticidi che qui in Italia sono stati dismessi da anni, con possibili conseguenze anche per la salute dei consumatori.

la gabbia arance siciliane from Ragusanews on Vimeo.

Irene Savasta