Giudiziaria Santa Croce Camerina 19/03/2016 14:15 Notizia letta: 3488 volte

Veronica capace di intendere

Lucida
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/19-03-2016/veronica-capace-di-intendere-500.jpg

Santa Croce Camerina - Veronica Panarello sarebbe perfettamente capace di intendere e di volere. Sarebbero queste le indiscrezioni trapelate dal carcere di Piazza Lanza in merito all’orientamento dei periti sulla perizia psichiatrica della donna accusata di aver ucciso e occultato il cadavere del figlio. E’ questa la ricostruzione effettuata dal giornalista Mario Barresi per La Sicilia. Restano in ballo ancora le ipotesi del disturbo comportamentale e dell’amnesia dissociativa, anche se tali ipotesi, qualora confermate, non pregiudicherebbero la capacità di intendere e volere della donna. La difesa, a questo punto, sembrerebbe orientata a giocarsi un’ultima carta: una risonanza magnetica per verificare se Veronica Panarello potrebbe avere qualche anomalia cerebrale. La relazione finale dovrà essere consegnata al giudice il 20 aprile e la prossima udienza è fissata per l’11 maggio. Sta di fatto che i periti, secondo queste ricostruzioni, non hanno trovato motivi per giudicare la donna incapace di intendere e di volere, nonostante le sue stranezze, come quella di dichiarare di essere famosa come una diva di Hollywood e di canticchiare le canzoni di Simone Cristicchi. Anzi, Veronica sarebbe stata sicuramente lucida durante le fasi dell’omicidio e, addirittura, avrebbe tendenze manipolatrici. Tutte questioni che farebbero sparire l’ipotesi di un vizio di mente. Sta di fatto che la difesa dell’avvocato Villardita è intenzionata a giocarsi il tutto per tutto, secondo quanto è emerso, grazie ad un test Vbm, una risonanza magnetica specifica per verificare se la donna ha delle anomalie cerebrali. Intanto, continua “l’indagine parallela” (chiamiamola così), della Procura di Ragusa a carico del suocero della donna, Andrea Stival, chiamato in causa il 19 febbraio. Veronica ha confermato davanti al Pm Marco Rota di aver avuto una relazione extraconiugale col suocero e di essere stato lui materialmente ad uccidere Loris, colpevole di aver scoperto la relazione fra il nonno e la mamma. La donna ha raccontato in modo piuttosto dettagliato la presunta relazione con il suocero: ha riferito che era particolarmente attratto dal suo seno, che l’abbracciava e che la faceva sentire importante. Loris si sarebbe accorto di tutto questo e il nonno avrebbe cominciato a guardarlo con occhi diversi. Ad agosto, sarebbe nata la relazione sessuale fra i due e da allora si sarebbero visti in casa quando i bambini non c’erano. Veronica avrebbe definito la loro una relazione continua che sarebbe proseguita anche quando l’uomo conobbe Andreina, l’attuale compagna. Loris li avrebbe scoperti il 19 novembre 2014, mentre facevano sesso in cucina e da allora Loris avrebbe voluto raccontare tutto al padre. Tutto questo, però, è stato negato con decisione da Andrea Stival durante l’interrogatorio, ricostruito anche dalla trasmissione Quarto Grado. Per lui, infatti, i contatti con la donna erano soltanto di tipo familiare e che mai avrebbe avuto una relazione sessuale con la nuora. Anzi, avrebbe anche aggiunto di non avere particolare gusti sessuali e nemmeno dimensioni fisiche fuori dalla norma, viste le allusioni della donna. Sugli 80 euro consegnati in carcere a Veronica, invece, Stival avrebbe spiegato che: “Su invito del padre di Veronica, io e Andreina abbiamo aggiunto alcune righe ad una sua lettera. E, prima che lui entrasse in carcere, gli abbiamo lasciato 80 euro”.

Irene Savasta
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg