Lettere in redazione Ragusa 20/03/2016 11:51 Notizia letta: 2596 volte

Servizi agli studenti disabili, siamo preoccupati

Parla Sabina Fontana
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/20-03-2016/servizi-agli-studenti-disabili-siamo-preoccupati-500.jpg

Ragusa - Sappiamo tutti che l’anno scolastico inizia a metà settembre per terminare a metà giugno circa. Questi 200 giorni di scuola sono però riservati ai normodotati, parola odiosa ma utile per indicare che i servizi e i diritti non funzionano allo stesso modo per tutti. Proviamo ad analizzare i fatti dell’ultimo A. S. (2015-2016): l’anno scolastico inizia il 15 settembre, ma il servizio di assistenza scolastica per i disabili gravi, i sordi e i non vedenti non parte prima del 20 Ottobre 2015. Nelle comunicazioni inviate agli enti gestori si legge la prima scadenza che è il 7 Novembre 2015. Riprende il 9 Novembre 2015 per terminare il 21 Dicembre. Viene ripristinato il 12 Gennaio 2016 per scadere il 29 Febbraio. Infine riparte il 14 Marzo 2016 con scadenza il 16 Aprile 2016. Negli ultimi dieci anni, il servizio è partito con l’inizio dell’anno scolastico solo una volta: l’anno scorso. Negli altri casi prima che si avviasse il servizio, doveva passare almeno un mese. Una domanda è lecita a questo punto: è possibile un minimo di programmazione in servizi che sono obbligatori e che tutelano un diritto costituzionale? Oppure dobbiamo rassegnarci ad ammettere che la partecipazione regolare alle attività scolastiche è riservata ai normodotati?
Ad ogni scadenza nuove battaglie, proteste, comunicati stampa, manifestazioni. Ad ogni scadenza tutti i referenti istituzionali si attivano e in una girandola di demagogie e retorica stantìa, il servizio ritorna in pompa magna con comunicati stampa che giungono da ogni dove.
L’ASSOCIAZIONE INTEGRA in rappresentanza dei genitori degli alunni sordi che usufruiscono del Servizio Scolastico e Domiciliare di Assistenza alla Comunicazione esprime grande preoccupazione per quanto riguarda l’ennesima scadenza del servizio prevista per il 16 Aprile 2016, oltre la quale non sono state date garanzie di copertura finanziaria. Con il presente Comunicato intende sottolineare il grave danno scolastico, cognitivo e psicologico che ogni interruzione del servizio arreca agli studenti sordi. Con la presente, chiede:
1. Che il servizio sia garantito fino alla fine dell’anno scolastico;
2. Che sin da ora si inizi a programmare il servizio per il prossimo anno scolastico;
3. Che il Servizio sia garantito dal primo all’ultimo giorno di scuola;
Sottolineano il fatto che quest’anno molti studenti dovranno sostenere gli esami di maturità, altri gli esami per il conseguimento della licenza media. Ogni interruzione del servizio ha impatti gravissimi sull' inclusione ai vari livelli, sul piano dell’accesso ai programmi e della partecipazione alle attività scolastiche. Per questo motivo ritiene fortemente discriminante l’interruzione sistematica del Servizio ai sensi della L.67/2006. Ricordano che il diritto allo studio è inviolabile e garantisce a tutti le pari opportunità nell’accesso al mondo del lavoro e l’autodeterminazione nella costruzione del proprio progetto di vita.

Sabina Fontana