Cronaca Comiso 21/03/2016 13:03 Notizia letta: 4171 volte

Tentato omicidio per un'auto ammaccata

Protagonista un rumeno
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/21-03-2016/1458561806-0-tentato-omicidio-per-un-auto-ammaccata.jpg&size=752x500c0

Comiso - E’ stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio, violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale Dogariu Gheorghe, 46 anni, nato a Bacau (Romania), ma residente a Comiso.

Dopo aver urtato con la sua auto una Peugeot, ha tentato di investire i presenti in strada che, invano, avevano tentato di fermarlo per fargli pagare il danno. Intorno alle 21,10 è stata segnalata un’aggressione a Comiso, in via Papa Giovanni XXIII. In via Duca d’Aosta, una donna comisana ha riferito alla polizia che la propria auto, una Peugeot 106, era stata danneggiata da un’Alfa Romeo 146 guidata da un uomo. Un vicino di casa si era accorto dell’incidente e gridava al conducente dell’Alfa di fermarsi, anche se questi cercava di allontanarsi. Anche il padre del ragazzo che aveva tentato di fermare l’Alfa si è affacciato in strada e ha notato che l’uomo ha aggredito verbalmente il figlio: “Tu fatti gli affari tuoi, tu non sei la Polizia. La macchina non l’ho ammaccata io”. L’uomo ha chiamato il 113 e si è precipitato in strada. Mentre parlava con il figlio ha capito che il romeno era evidentemente ubriaco. Ma Dogariu si è poi precipitato in macchina e si è allontanato, anche se ha lasciato sul posto la donna che era con lui. Mentre tutti i presenti commentavano l’accaduto dopo un paio di minuti hanno visto l’autovettura Alfa Romeo ritornare nella zona e soprattutto la vedevano giungere a folle velocità proveniente da via Papa Giovanni XXIII in direzione via Duca d’Aosta; il conducente ha cercato di investire i presenti. Passato ad altissima velocità non ha investito per fortuna nessuno dei presenti. Intanto, sul posto era arrivata la polizia e dopo qualche attimo il rumeno è tornato sul posto a piedi. Una volta arrivato ha iniziato a parlare con gli Agenti intervenuti, ma poi ha cominciato a scagliarsi contro di loro, colpendoli con calci e pugni. Gli Agenti di Polizia hanno tentato di bloccarlo per ammanettarlo, ma l’uomo ha continuato a divincolarsi e a cadere a terra assieme ai Poliziotti. Anche la donna che si trovava con lui ha iniziato a colpire con calci e pugni gli agenti. Nonostante ammanettato l’uomo continuava a dimenarsi e a scalciare. Infine, dopo molta fatica, il rumeno è stato identificato e condotto in commissariato. E’ risultato avere precedenti e sottoposto alla misura alternativa dell’affidamento ai servizi sociali. E’ stato quindi arrestato per i reati di tentato omicidio e violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale. Su disposizione del PM di turno è stato condotto agli arresti domiciliari. La posizione della moglie, D.A., 37 anni, romena ma residente a Comiso, sarà vagliata nei prossimi giorni.

Irene Savasta