Attualità Youtube 22/03/2016 18:12 Notizia letta: 3100 volte

Annalisa ama solo Luciano. VIDEO

E' catanese, ma ama cantare il neomelodico
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/22-03-2016/1458666769-0-annalisa-ama-solo-luciano.png&size=800x500c0

In un mondo in cui basta sapersi fotografare i piedi su Instagram per definirsi fotografi, saper scarabocchiare e dichiararsi artisti e andare su google per essere medici (a che serve una laurea quando puoi autodiagnosticarti anche la lebbra?), si può anche essere cantanti pur essendo stonati, fare un videoclip solo perché hai una telecamera e avere 25396 visualizzazioni su youtube solo perché hai la connessione internet. “Artista”: chi può definirsi tale? Certo, un titolo altisonante, onorifico, nobilitante. Un po’ come Yoko Ono che è stata definita “la più famosa artista sconosciuta: tutti conoscono il suo nome, ma nessuno sa cosa fa". Ma almeno ha avuto il buon senso di sposare John Lennon.

Annalisa De Luciano, invece, ama solo Luciano.

E con ciò non si intende dire che ama una parte del suo cognome. Luciano esiste. Luciano vive. Per lui, è disposta a tutto, visto che dichiara: “Perdonami Pia, ma in guerra e in amore tutto è permesso”. Però si definisce artista. Andare sul tubo e guardare questo videoclip capolavoro del trash contemporaneo, è una delizia per gli occhi e per le orecchie. Sono cinque minuti di sane risate e il ritornello della mirabolante “Luciano” ti resta pure in testa, nonostante la cacofonia dell’imponente Annalisa. “Luciano Luciano Luciano. Tiegno sempre ‘a penna ‘nmano”. Perdonerete l’approssimativa trascrizione del napoletano. Dopo aver visionato questo capolavoro dell’MTV viene spontaneo chiedersi: “Ma chi è questa gente?”. Si scopre, con un po’ di pazienza, che Annalisa De Luciano è catanese, ma ama cantare il neomelodico. Per questo le parole della sua “Luciano” sono in dialetto partenopeo. Il videoclip è stato girato da Dario Catania, ma su di lui non si trovano altre informazioni. Il brano è tratto dal primo lavoro discografico di Annalisa dal titolo “Sulle note dell’amore”. Naturalmente, aspettiamo già con ansia il suo secondo lavoro. Il video è suddiviso in due parti, una sorta di introduzione parlata e la canzone vera e propria. Luciano e Pia sono seduti su una panchina, s’intuisce una certa allegria metropolitana, probabilmente il video è ambientato in un piccolo paese del catanese. I due si piacciono ma come una faina la giunonica Annalisa, nascosta a malapena da una colonna, si avventa sull’amica e le dice: “Non lo frequentare, non fa per te. Ci sono certe voci in giro, fanno arizzari i carni”. L’amica le crede, ovviamente, e pure la ringrazia. E poi, la dichiarazione di guerra di Annalisa: “In amore tutto è permesso”. Inutile sottolineare come la recitazione sia degna del metodo Stanislavskij e questi due minuti di intro ricordano il miglior Axl Rose di “November Rain” negli anni d’oro dei Guns N’ Roses. La canzone è tutta da ascoltare, ricca di messaggi vagamente inquietanti come “Tu morirai con me, fino alla fine del mondo”. Il video propone accostamenti arditi: dalle statue marmoree della chiesa, si passa alle movenze di Annalisa e Luciano in un parco. Può provocare il mal d’auto se guardato con troppa attenzione. Ma non importa. Annalisa ci piace. Quasi quanto Luciano.

Irene Savasta