Attualità Palermo 25/03/2016 14:41 Notizia letta: 2292 volte

Ecco come la Regione regala i soldi: la tabella H

13 milioni
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/25-03-2016/1458913328-0-ecco-come-la-regione-regala-i-soldi-la-tabella-h.jpg&size=853x500c0

Palermo - Sono 13 milioni di euro stanziati dalla Finanziaria regionale che potranno andare ad enti, società e associazioni senza scopo di lucro.

La giunta regionale ha dato il via ad un bando pubblico per l’assegnazione dei contributi che un tempo venivano distribuiti in base alla famigerata “Tabella H”. Sono scomparsi in occasione dell'ultima legge di stabilità e che ora potranno accedere al fondo, i contributi per Csei (Centro studi di economia applicata all'ingegneria, 280 mila euro), Ises (Istituto di scienze amministrative e sociali, 145 mila euro), Biblioteca fardelliana (180 mila euro), Ente luglio musicale (140 mila euro), Centro siciliano Sturzo (350 mila euro), associazione Rises (540 mila euro). Fuori dalla Finanziaria anche la Fondazione Whitaker (300 mila euro), il “Brass Group” (300 mila euro), l'Autodromo di Pergusa (500 mila euro), il polo universitario di Enna (1,7 milioni), i Consorzi universitari (6,5 milioni), l'associazione allevatori (2,775 milioni) e il Cerisdi (350 mila euro). Chi potrà ottenere i contributi? Tutti gli enti e le fondazioni che non hanno scopo di lucro. Escluse, invece, le strutture che hanno una convenzione con la Regione o con enti regionali e con strutture sanitarie. Inoltre, non potranno accedere i soggetti che per quest’anno hanno già ottenuto altri contributi regionali. Si può concorrere al bando con una sola tematica, ognuna diversa per settore: cooperazione all’edilizia popolare, attività culturali, studio e ricerca, attività sportive e turistiche, gestione faunistica, promozione e divulgazione in campo agro-alimentare, prevenzione sanitaria, disabilità e disagio sociale. I contributi non possono essere destinati a investimenti. Gli enti dovranno presentare un’istanza e i termini sono fissati dall’avviso: 15 giorni dalla pubblicazione per chi opera nelle aree del disagio e della disabilità, un mese per tutti gli altri. Le categorie disagio e disabilità hanno priorità e anche le istruttorie dovranno concludersi entro i 15 giorni dalla ricezione delle istanze. Le domande dovranno avere una relazione che presenta l’ente: numero di personale, curricula dei dipendenti e dei vertici, elenco dettagliato delle spese, oltre all’elenco delle entrate e dei finanziamenti ottenuti, anche altri sostegni regionali. Dovrà essere dettagliato anche il motivo per cui è richiesto il finanziamento. Verrà effettuato, prima di assegnare un punteggio, anche un esame preliminare per stimare la somma necessaria. Per accedere al contributo bisogna ottenere un punteggio di 70/100.

Irene Savasta
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif