Attualità Vittoria 26/03/2016 14:46 Notizia letta: 3148 volte

Mercato di Vittoria, box non assegnati. Aziende diffidano Comune

“Ritardi inaccettabili”
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/26-03-2016/mercato-di-vittoria-box-non-assegnati-aziende-diffidano-comune-500.jpg

Vittoria - La procedura di assegnazione degli spazi al mercato di Vittoria non trova ancora risposte definitive.
Il comune di Vittoria, ad oltre un anno dalla pubblicazione del bando non procede alla assegnazione amministrativa dei box provocando le reazioni delle ditte che adesso diffidano l’ente annunciando azioni legali a tutela del proprio diritto.
Le ditte Coming Trade di Sigona Salvatore & C. s.a.s., Giovani di Vittoria Soc. Coop. Agricola, Patrì Amelia, Ortofrutta Mediterraneo s.r.l., Ortocolonna s.r.l., Mediterraneo Ortofrutta s.r.l. e Di Pietro Giovanni, segnalano la “ perdurante inerzia da parte del Comune di Vittoria, il quale, immotivatamente ed in maniera del tutto “anomala” ed ingiustificata, non procede alla conclusione dell’iter amministrativo finalizzato all’assegnazione dei box in questione. A nulla sono valsi gli inviti, formali ed informali, rivolti all’ente, finalizzati ad ottenere la conclusione del procedimento amministrativo. Ad oggi tutto tace, nel silenzio totale delle istituzioni”.

I ritardi nell’assegnazione degli spazi acuiscono la già pesante situazione dell’indotto ortofrutticolo di Vittoria.

“La condotta tenuta dall’ente- proseguono le ditte- appare infatti gravemente lesiva di tutti gli interessi delle ditte scriventi, chiaramente impossibilitate a dare un assetto definitivo alle proprie aspettative economiche ed imprenditoriali: il che appare ancor più “grottesco” se si pensi che, allo stato attuale, vi sono numerosi spazi mercatali inutilizzati, in un momento di crisi epocale per il comparto della produzione agricola e per il comparto del commercio all’ingrosso di prodotti ortofrutticoli. Poco conta quali saranno le ditte che, alla conclusione dell’iter procedimentale, vedranno assegnato lo spazio mercatale”.

Gabriele Giannone