Attualità Ragusa

E' morta Sara Di Natale

E' stata in coma 10 anni e 2 mesi

Ragusa -  E’ vissuta dieci anni e due mesi. Dieci anni e due mesi in cui la giovane Sara Di Natale, in stato vegetativo, alimentata da un sondino, in stato d’incoscienza ma ancora viva, è stata assistita dalle amorevoli cure di papà Luciano e mamma Gabriella. La città di Ragusa saluterà domani, nella chiesa del Preziosissimo Sangue, la studentessa che  il 7 febbraio del 2006, in seguito ad uno shock anafilattico provocato da una polpetta ai solfiti, entrò in coma. Sara Di Natale era una studentessa di Scienze Politiche all’università di Catania. Aveva 22 anni e stava iniziando la sua nuova vita da giovane adulta. Aveva comprato delle polpette in una macelleria di una via del mercato in via Etnea. La polpetta era piena di solfiti, una sostanza che blocca il processo di putrefazione e mantiene il colore della carne  rosso vivo. La carne, insomma, diventa più “attraente” grazie a quella sostanza. La ragazza, una volta assaggiato quel boccone avvelenato (era allergica, infatti, ai solfiti), è andata in stato di Shock e da allora è rimasta in coma. I genitori, che l’hanno accudita amorevolmente fino alla fine, hanno lottato con tutte le loro forze per lanciare moniti e portare avanti una battaglia con grandissima umiltà e coraggio. Ed è attorno a loro che la città di Ragusa si sta stringendo  in queste ore.

 

http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif