Cronaca Ragusa 16/04/2016 11:31 Notizia letta: 27 volte

Furti di bestiame e mezzi agricoli, arrestati Lorefice e Gulino

Erano già stati arrestati durante l'operazione free country del 2013
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/16-04-2016/1460799316-0-furti-di-bestiame-e-mezzi-agricoli-arrestati-lorefice-e-gulino.jpg&size=511x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/16-04-2016/1460799356-1-furti-di-bestiame-e-mezzi-agricoli-arrestati-lorefice-e-gulino.jpg&size=478x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/16-04-2016/1460799316-0-furti-di-bestiame-e-mezzi-agricoli-arrestati-lorefice-e-gulino.jpg&size=511x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/16-04-2016/1460799356-1-furti-di-bestiame-e-mezzi-agricoli-arrestati-lorefice-e-gulino.jpg

Ragusa - Sono stati arrestati Giovanni Lorefice, 40 anni, nato a Modica e Francesco Gulino, 59 anni, nato a Ragusa. I due facevano parte di un’associazione a delinquere dedita ai furti in aziende zootecniche ed agricole della provincia iblea. Gli ordini di cattura sono stati eseguiti da polizia e carabinieri. Entrambi erano già stati arrestati con l’operazione “Free Country” nel 2013 ed erano già stati condannati ad oltre 6 anni di pena ma avevano presentato ricorso in Cassazione. All’esito del rigetto, la Procura Generale di Catania ha emesso il mandato di cattura. Durante le indagini, gli investigatori riuscirono a provare che i membri del sodalizio criminale erano diventati una piaga per le aziende. Il disegno criminoso degli associati era molto semplice:  rubavano mezzi agricoli, bestiame e tutto ciò che trovavano di valore, poi contattavano le vittime e con il sistema del cosiddetto “cavallo di ritorno”, le ricattavano estorcendo denaro per la restituzione.  Molte aziende vittime di questi criminali avevano anche dovuto chiudere perché messe in ginocchio da soggetti che senza alcuno scrupolo costringevano le parti offese a consegnare denaro ogni volta che subivano un furto. Se la vittima non riusciva a pagare quanto richiesto dall’associazione, le bestie rubate venivano macellate clandestinamente e quindi senza alcun controllo, con forti rischi per la salute dei cittadini siciliani, considerato che spesso gli animali venivano traportati in altre province per evitare i controlli dei Carabinieri e della Polizia di Stato.

Irene Savasta