Cultura Cartoni animati 16/04/2016 17:51 Notizia letta: 2305 volte

La malinconia di Haruhi Suzumiya. Un titolo controverso

Chi è Haruhi Suzumiya?
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/16-04-2016/la-malinconia-di-haruhi-suzumiya-un-titolo-controverso-500.jpg
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/16-04-2016/1460822136-1-la-malinconia-di-haruhi-suzumiya-un-titolo-controverso.jpg&size=764x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/16-04-2016/1460822136-2-la-malinconia-di-haruhi-suzumiya-un-titolo-controverso.png&size=880x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/16-04-2016/la-malinconia-di-haruhi-suzumiya-un-titolo-controverso-100.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/16-04-2016/1460822136-1-la-malinconia-di-haruhi-suzumiya-un-titolo-controverso.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/16-04-2016/1460822136-2-la-malinconia-di-haruhi-suzumiya-un-titolo-controverso.png

"Mi chiamo Haruhi Suzumiya e vengo dalla scuola media Higashi. Non nutro il minimo interesse verso i comuni esseri umani: se in questa scuola ci sono alieni, viaggiatori del tempo, creature di altre dimensioni, esper, io li prego di farsi avanti e di venire da me. È tutto." Inizia così la vicenda de “La malinconia di Haruhi Suzumiya”  uno dei maggiori titoli di successo del 2006. Eppure, resta uno degli anime più controversi. C’è chi lo definisce un capolavoro assoluto, chi un’ottima trovata commerciale, chi una commedia scolastica senza capo né coda. In realtà, la Malinconia ha un suo perché e la storia ha degli spunti molto interessanti. Peccato, invece, per lo sviluppo della trama: il lettore (o lo spettatore) resterà molto deluso dal finale che non risponde a nessuno dei perché sollevati durante la storia, uno su tutti: chi è Haruhi Suzumiya? Una studentessa insopportabilmente viziata? Una squinternata? O una divinità? Nata come light novel di genere shonen, scritta da Nagaru Tanigawa, in Italia è arrivato nel 2006 e l’anime è costituito da 14 episodi. Nonostante il titolo, però, il protagonista e voce narrante della vicenda è Kyon, uno studente del primo anno di liceo compagno di classe di Haruhi che assiste alla bizzarra presentazione della ragazza.

LA VICENDA

La storia inizia con la presentazione di Haruhi Suzumiya alla classe. Kyon, seduto davanti a lei, incuriosito da questa strana faccenda, le rivolge la parola. Si viene a scoprire che Haruhi Suzumiya è sempre stata trattata come una ragazza particolare: ha lasciato ogni club scolastico a cui si è iscritta, nonostante i suoi molteplici talenti, perché ritenuti da lei “noiosi”. La noia (la malinconia del titolo) è proprio il tema fondamentale della vicenda. Man mano che si va avanti, infatti, la ragazza decide di fondare un suo club, la Brigata S.O.S. ovvero “la Brigata di Haruhi Suzumiya per spargere ovunque la simpatia”, e di assoldare alcuni membri. Entrano a far parte della cerchia di amicizie di Haruhi, Yuki Nagato, una lettrice taciturna, Mikuru Asahina, una ragazza col viso da lolita e i seni grossi, Itsuki Koizumi, uno studente appena trasferito e Kyon. Il poveraccio verrà costretto a entrare a far parte del club fondato dalla sua compagna per poi assistere al reclutamento forzato di tutti questi studenti e studentesse che Haruhi troverà "particolari" e degni di attenzione. La serie non presenta una vera e propria trama lineare, piuttosto si viene pian piano a conoscenza di cosa pensano gli altri membri della Brigata di Haruhi. Tutti i ragazzi, infatti, sono a loro modo “particolari” e sostengono di essere alieni, esper e viaggiatori nel tempo. Solo che Haruhi non lo scoprirà mai, piuttosto sarà compito di Kyon custodire i loro segreti e fare in modo che la ragazza non si annoi.

I MEMBRI DELLA BRIGATA S.O.S.

Yuki Nagato sostiene di essere “un’interfaccia umanoide”. Il suo scopo è quello di raccogliere dati su Haruhi e scopre che la ragazza è in grado di creare dati dal nulla. Secondo Yuki Nagato, infatti, il mondo potrebbe essere stato creato da Haruhi appena tre anni prima. Mikuru Asahina, assoldata nella brigata solo “a scopo pubblicitario”, perché considerata da Haruhi molto seducente, è una viaggiatrice nel tempo. Sostiene che tre anni prima si è creata un’anomalia temporale e Haruhi potrebbe esserne la causa. Itsuki Koizumi, è un esper: secondo lui, Haruhi è un’inconsapevole divinità che ha creato il mondo secondo i suoi pensieri. Koizumi, infatti, rivela a Kyon che se Haruhi si annoiasse potrebbe anche decidere di distruggere questo mondo e di sostituirlo con un altro. Quando la ragazza si annoia, infatti, genera uno “spazio chiuso” nella sua mente, un piccolo universo senza persone uguale al nostro ma dal quale non si può fuggire. In questo spazio un Uomo Divino gigantesco, che rappresenta le frustrazioni Haruhi, distrugge tutto. Koizumi e gli altri esper possono interagire con questo mondo per evitare che l’universo di Haruhi si ingrandisca troppo. Ma la cosa migliore da fare è evitare che Haruhi si annoi e per questo la brigata tenta di assecondarla in tutto e per tutto, anche nelle cose più bizzarre.

KYON

Kyon è considerato un’anomalia vicino ad Haruhi. E’ un ragazzo normale, piuttosto cinico, e voce narrante della vicenda. E’ l’unico ad essere a conoscenza dei segreti degli altri membri e tutti fanno affidamento su di lui. E’ anche la persona più vicina ad Haruhi. Risulta essere il personaggio più interessante e accompagnerà tutta la vicenda con i suoi commenti sarcastici. Il suo compito nella brigata S.O.S. è quello di occuparsi del sito web e del lato finanziario.

CHI E’ HARUHI SUZUMIYA?

La domanda rimane aperta ed è forse questo il motivo per cui quest’anime resta comunque controverso: il finale è sconclusionato e deludente e gli spunti, seppur interessanti, non sono stati approfonditi in maniera coerente. Interessante, invece, quel che sostiene il personaggio di Koizumi sul reclutamento dei membri della Brigata: sarebbe stata la stessa Haruhi a creare gli alieni, i viaggiatori del tempo e gli esper ma è sempre lei a non volere che sappia della loro esistenza perché per lei, che è una ragazza razionale, sarebbe impossibile credere che esistano.

Irene Savasta