Cronaca Pozzallo 26/04/2016 12:01 Notizia letta: 3613 volte

I coniugi dello spaccio

In casa un supermercato della droga
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/26-04-2016/i-coniugi-dello-spaccio-500.jpg
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/26-04-2016/1461665065-1-i-coniugi-dello-spaccio.jpg&size=467x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/26-04-2016/i-coniugi-dello-spaccio-100.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/26-04-2016/1461665065-1-i-coniugi-dello-spaccio.jpg

Pozzallo - Sono stati arrestati Mustapha Rheydouni, 46 anni e Maria Barrera, 34 anni, coniugi di Pozzallo entrambi già noti alle forze dell’ordine per reati inerenti gli stupefacenti. I carabinieri hanno scoperto nell’appartamento della coppia un vero e proprio supermercato della droga all’interno della loro abitazione dove addirittura Rheydouni si trovava già agli arresti domiciliari poiché arrestato lo scorso gennaio quando fu trovato con 32 grammi di eroina. I  Carabinieri da qualche tempo avevano notato movimenti sospetti sotto l’abitazione dei due, un continuo strano via vai di persone, tanto che, ieri sera, una pattuglia della Stazione di Pozzallo ha sorpreso due giovani proprio mentre uscivano dall’appartamento e, sottoposti a  perquisizione personale, sono stati  trovati in possesso di 0,20 grammi di eroina e di due siringhe. Entrambi sono stati segnalati alla Prefettura di Ragusa quali assuntori di sostanze stupefacenti. A questo punto, accertato che i due giovani avevano appena acquistato dalla coppia, i Carabinieri hanno fatto scattare il blitz all’interno dell’abitazione. Abilmente occultati in più punti della casa hanno scovato 11 grammi di cocaina, materiale per il taglio ed il confezionamento della sostanza, un bilancino di precisione e la somma contante di 1.000 euro in banconote di vario taglio, provento dell’attività di spaccio. Conclusa la perquisizione, la coppia di spacciatori è stata condotta presso la caserma della Stazione di Pozzallo ed entrambi dichiarati in stato di arresto per il reato di spaccio di stupefacenti in concorso e, su disposizione del Sostituto Procuratore di turno, dott. Marco Rota, l’uomo è stato condotto presso la Casa Circondariale di Ragusa mentre la donna è stata sottoposta agli arresti domiciliari.

Irene Savasta