Cronaca Vittoria 28/04/2016 11:05 Notizia letta: 2182 volte

Deposito abusivo di bombole, denunciati tre vittoriesi

7.740 kg di G.P.L. contenuti in ben 799 bombole
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/28-04-2016/deposito-abusivo-di-bombole-denunciati-tre-vittoriesi-500.jpg
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/28-04-2016/1461834502-1-deposito-abusivo-di-bombole-denunciati-tre-vittoriesi.jpg&size=588x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/28-04-2016/deposito-abusivo-di-bombole-denunciati-tre-vittoriesi-100.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/28-04-2016/1461834502-1-deposito-abusivo-di-bombole-denunciati-tre-vittoriesi.jpg

Vittoria - Un deposito abusivo di bombole di GPL, privo dei requisiti minimi di sicurezza, è stato sequestrato dalla Guardia di Finanza di Vittoria, assieme a 7.740 kg di G.P.L. contenuti in ben 799 bombole con capacità complessiva pari a 13.445 kg. I responsabili, tre vittoriesi, sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Ragusa per detenzione di materiale infiammabile, per irregolare imbottigliamento di GPL e per violazioni alla normativa antincendio.  All’atto dell’accesso in quest’area, un addetto ha esibito una licenza di detenzione ai fini di vendita per non più di 1.000 kg di G.p.l. in bombole, sostenendo di essere in regola con i quantitativi massimi imposti dalla legge. Una rapida ispezione da parte dei militari ha portato alla scoperta di 800 bombole detenute però alla rinfusa all’esterno del gabbiotto di cemento autorizzato; quelle vuote erano conservate a cielo aperto mentre quelle piene erano  occultate in un deposito chiuso e privo di aerazione. La maggior parte di queste bombole, inoltre, erano esternamente corrose, tenute in un cattivo stato di conservazione e addirittura non sottoposte a ricollaudo dopo la data di scadenza. Nessuna di esse, tra l’altro,  riportava la valvola che attesta la data di prova di tenuta e lo stabilimento di provenienza. I militari hanno attestato che  mancavano anche le dovute autorizzazioni e le correlate certificazioni sui requisiti minimi di sicurezza.

Irene Savasta