Attualità Chiaramonte Gulfi 30/04/2016 15:04 Notizia letta: 2098 volte

Cittadinanza onoraria a Vincenzo Pirrotta. Anche senza regolamento.

Attore e regista
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/30-04-2016/cittadinanza-onoraria-a-vincenzo-pirrotta-anche-senza-regolamento-500.jpg

Chiaramontet Gulfi - Chiaramonte Gulfi conferirà la cittadinanza onoraria all’attore e regista teatrale Vincenzo Pirrotta, autore della pièce “Terramatta”, tratto dall’omonimo libro di Vincenzo Rabito. La proposta, avanzata dalla Giunta, è stata discussa ieri sera in consiglio comunale. Il sindaco, Vito Fornaro, ha spiegato: “Abbiamo parlato con Vincenzo Pirrotta e lui, da quando ha indossato i panni di Vincenzo Rabito nell’opera teatrale, si è innamorato di Chiaramonte. Per questo motivo, abbiamo pensato di conferirgli la cittadinanza onoraria appena sarà possibile, in accordo anche con i figli di Rabito”. La proposta, ovviamente, è stata condivisa da tutti ed è stata votata all’unanimità. C’è stato, però, chi ha provato ad andare oltre. Perché, infatti, non istituire un intero regolamento per (evidentemente) regolamentare la valanga di cittadini onorari che potrebbero essere nominati a Chiaramonte? La proposta  è stata avanzata dalla new entry del consiglio, Paolo Battaglia (PD) che, nelle intenzioni del consigliere, servirebbe per:  “Rendere partecipe la cittadinanza”.  Il consigliere Giovanni Vivera, dichiara: “Queste sono cose straordinarie, non accadono tutti i giorni”. Il sindaco specifica: “Abbiamo scelto di fare questo passo con delibera di consiglio proprio per dare più forza al provvedimento. Avremmo potuto farlo semplicemente con delibera di Giunta”. Ma il consigliere Battaglia precisa che potrebbero anche esserci tremila persone che possono chiedere a gran voce al sindaco di dare la cittadinanza onoraria a qualcuno. Un regolamento in questi casi ci vorrebbe perché diventerebbe praticamente una petizione popolare. Come farebbe, poi, un sindaco ad ignorare tremila persone, anche senza regolamento, sarebbe tutto da vedere.

Irene Savasta